Mercoledì 21 Febbraio 2024
area riservata
ASAPS.it su
Corte di Cassazione 13/11/2014

Falsità in atti - In certificati o autorizzazioni amministrative - Contrassegno invalidi - Riproduzione fotostatica di contrassegno con autorizzazione al parcheggio di autoveicoli per invalidi - Esposizione all’interno della propria autovettura - Integrazione del reato di cui agli artt. 477 - 482 c.p. - Sussistenza

(Cass. Pen., Sez. V, 13 novembre 2014, n. 47079)

Giurisprudenza di legittimità
CORTE DI CASSAZIONE PENALE
Sez. V, 13 novembre 2014, n. 47079

 

Falsità in atti - In certificati o autorizzazioni amministrative - Contrassegno invalidi - Riproduzione fotostatica di contrassegno con autorizzazione al parcheggio di autoveicoli per invalidi - Esposizione all’interno della propria autovettura - Integrazione del reato di cui agli artt. 477 - 482 c.p. - Sussistenza.

Integra il reato di falsificazione materiale commessa dal privato in autorizzazioni amministrative (artt. 477- 482 c.p.) e non quello di uso di atto falso (art. 489 c.p.), la condotta di colui che espone all’interno della propria autovettura una riproduzione fotostatica a colori di un contrassegno con autorizzazione per invalidi al parcheggio di autoveicoli, in quanto l’uso personale - nell’interesse proprio - del documento falso consente di ritenere che il soggetto in questione, direttamente o ricorrendo all’opera altrui, sia l’autore della contraffazione. (Cass. Pen., sez. V, 13 novembre 2014, n. 47079) [Riv-1504P358] (Artt. 477, 482, 489 cp.)

 

>LEGGI LA SENTENZA


Giovedì, 13 Novembre 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK