Lunedì 27 Maggio 2019
area riservata
ASAPS.it su
(ASAPS) Sono state rese pubbliche oggi le motivazioni con la sentenza nr. 88/2019 della Corte Costituzionale, che nello scorso febbraio aveva dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 222, comma 2, quarto periodo, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada), nella parte in cui non prevede che, in...
Condividi
17/Aprile/2019
Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK
Con l'ordinanza pubblicata oggi, nr. 59/2019 del 20/02/2019, la Corte Costituzionale (Camera di Consiglio del 06/02/2019, Presidente LATTANZI, Redattore ZANON) in materia di guida in stato di ebbrezza (Art. 186, c. 9° bis, del Nu...
Condividi
(Corte Cassazione Sezione Tributaria 7638/2018)
L'art. 139 c.p.c.prescrive che la notifica si esegue nel luogo di residenza del destinatario e precisa che questi va ricercato nella casa di abitazione o dove ha l'ufficio o esercita l'industria o il commercio; la norma, inve...
Condividi
(Corte Costituzionale, sentenza 09/02/2018 n. 22)
E' illegittimo l'art. 120, comma 2, del D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada), come sostituito dall'art. 3, comma 52, lett. a), della legge 15 luglio 2009, n. 94, nella parte in cui, con riguardo alle ipot...
Condividi
Corte Costituzionale, sentenza 06/05/2016 n. 94
E' costituzionalmente illegittimo l'art. 4-quater del D.L. 30 dicembre 2005, n. 272, come convertito, con modificazioni, dall'art. 1, comma 1, della L. 21 febbraio 2006, n. 49, che introduce l'art. 75-bis del d.p.r. 9 ott...
Condividi
(Cass. Pen., Sez. V, 01 marzo 2016, n. 8328)
Con la sentenza n. 8328 del 1 marzo 2016 la Corte di Cassazione sez. V penale torna ad affrontare il tema della rilevanza penale dei contenuti di carattere diffamatorio su Internet ed in particolare sui social network ribadendo le propri...
Condividi
(Cas. Pen., sez. V, 6 agosto 2015, n. 34406)
La Suprema Corte, sez. V Penale, con sentenza del 8 giugno - 6 agosto 2015, n. 34406 affronta uno dei tanti casi di diffamazione realizzati a mezzo Internet dimostrando una particolare fiducia nei moderni mezzi di accertamento del reato ...
Condividi
(Corte Costituzionale, 13 giugno 2015, n. 113)
Circolazione stradale - Apparecchiature destinate all'accertamento delle violazioni dei limiti di velocità - Sottoposizione a verifiche periodiche di funzionalità e di taratura. Il bilanciamento dei valori in gioco realizzato in modo non implausibile nel vigente art. 142, comma 6, del codice della strada trasmoda così nella irragionevolezza, nel momento in cui il diritto vivente formatosi sull’art. 45, comma 6, del medesimo codice consente alle amministrazioni preposte agli accertamenti di evitare ogni successiva taratura e verifica.
Condividi
(Corte Costituzionale, 22 gennaio 2015 ,n. 1)
E' costituzionalmente illegittimo l’art. 458 c.p.p. e l’art. 1 comma 1 d.P.R. n. 448/1988, nella parte in cui prevedono che, nel processo minorile, nel caso di giudizio abbreviato richiesto dall’imputato in seguito ...
Condividi
(Cass. Pen. Sez. unite, 28 ottobre 2014, n. 44895)
L'incostituzionalità della Fini–Giovanardi sotto il profilo della equiparazione tra droghe leggere e droghe pesanti (sentenza 32/2014 della Consulta) non incide sulla rideterminazione della custodia cautelare per i proce...
Condividi
(Corte Costituzionale, 16 ottobre, 2014, n. 235)
Il bilanciamento tra i diritti inviolabili della persona ed il dovere di solidarietà (di cui, rispettivamente, al primo e secondo comma dell’art. 2 Cost.) comporta che non sia risarcibile il danno per lesione di quei diritti...
Condividi
(Cass. Pen., SS.UU., 23 luglio 2014, n. 32697)
Con la sentenza 23 luglio 2014, n. 32697 le Sezioni Unite si interrogano se, in tema di intercettazioni, la conversazione o comunicazione intercettata costituente di per sé condotta criminosa, possa essere qualificata come co...
Condividi
(Corte Costituzionale, 25 giugno 2014 n. 184)
L'imputato può chiedere il patteggiamento dopo la contestazione, nel corso del dibattimento, di una circostanza aggravante che già risultava dagli atti di indagine al momento dell'esercizio dell'azione penale. E...
Condividi
(Corte Costituzionale , 28 maggio 2014, n. 143)
E' illegittimo l'art. 157, comma 6, c.p., nella parte in cui prevede che i termini di prescrizione siano raddoppiati nel caso di incendio colposo. E' quanto emerge dalla sentenza 28 maggio 2014, n. 143 della Corte Costituzion...
Condividi
(Corte Costituzionale , 21 maggio 2014 n. 135 )
Sono costituzionalmente illegittimi gli artt. 666, comma 3, 678, comma 1, e 679, comma 1, c.p.p., nella parte in cui non consentono che, su istanza degli interessati, il procedimento per l’applicazione delle misure di sicurezza si ...
Condividi
(Corte Costituzionale, sentenza 20 novembre 2013, n. 281)
nel giudizio di legittimità costituzionale dell’art. 120, commi 1 e 2, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada), come sostituito dall’art. 3, comma 52, lettera a), della legge 15 luglio 2009...
Condividi
(Corte Costituzionale, Ordinanza 29 novembre 2013, n. 283)
nei giudizi di legittimità costituzionale dell’art. 15 del decreto legislativo 15 gennaio 2002, n. 9 (Disposizioni integrative e correttive del nuovo codice della strada, a norma dell’articolo 1, comma 1, della legge 22 marzo 2001, n. 85)...
Condividi
(Corte Costituzionale, Ordinanza 23 gennaio 2014, n. 009)
nel giudizio di legittimità costituzionale dell’art. 23, comma 12, del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285 (Nuovo codice della strada), promosso dal Giudice di pace di Verona, nel procedimento vertente tra la Pubbliuno Srl e il Comune...
Condividi
(Corte Costituzionale, 06 dicembre 2013 n. 293)
 La Corte Costituzionale, con sentenza 6 dicembre 2013, n. 293, ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 309 c.p.p., in quanto interpretato nel senso che la deducibilità, nel procedimento di riesame, della retrodatazione de...
Condividi
(Corte costituzionale, 24 ottobre 2013 n. 246)
Non si può accedere alla pena sostitutiva del lavoro socialmente utile se condannati per aver guidato in stato di ebbrezza si sia causato un incidente, anche senza esiti letali o con danni alle persone. Lo ha stabilito la Corte co...
Condividi