Domenica 13 Giugno 2021
area riservata
ASAPS.it su

Risarcimento del danno – Danno non patrimoniale – Danno biologico, morale ed esistenziale – Autonoma risarcibilità – Sussistenza.

(Cass. Civ., Sez. III, 20 novembre 2012, n. 20292)


Il danno biologico (cioè la lesione della salute), quello morale (cioè la sofferenza interiore) e quello dinamico-relazionale (altrimenti definibile “esistenziale”, e consistente nel peggioramento delle condizioni di vita quotidiane, risarcibile nel caso in cui l’illecito abbia violato diritti fondamentali della persona) costituiscono pregiudizi non patrimoniali ontologicamente diversi e tutti risarcibili; né tale conclusione contrasta col principio di unitarietà del danno non patrimoniale, sancito dalla sentenza n. 26972 del 2008 delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione, giacché quel principio impone una liquidazione unitaria del danno, ma non una considerazione atomistica dei suoi effetti (in applicazione del suddetto principio la S.C. ha confermato la sentenza di merito la quale, in caso di danno da uccisione del prossimo congiunto, aveva liquidato ai congiunti due diversi danni, definiti l’uno morale e l’altro esistenziale)

Martedì, 20 Novembre 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK