Domenica 09 Maggio 2021
area riservata
ASAPS.it su

Patente - Patente a punti - Mancata comunicazione da parte del proprietario dei dati del conducente al momento dell'infrazione - Obbligo del proprietario - Sussistenza - Limiti - Sentenza della Corte costo n. 27 del 2005 - Interpretazione dell'art. 126 bis, comma 2, tutt'ora vigente - Conseguenze.

(Tribunale Civile di Torino, Sez. III, 5 maggio 2008, n. 3234)

Nel caso di mancata identificazione del conducente responsabile della violazione di cui all'art. 142, comma 9, c.s., in base all'interpretazione fornita da Corte Cost. n. 27/2005 dell'art. 126 bis, comma 2, c.s., nel testo vigente all'epoca di detta pronuncia, ma valido anche successivamente, in nessun caso il proprietario del veicolo è tenuto a rivelare i dati personali e della patente del conducente prima della definizione dei procedimenti giurisdizionali o amministrativi per l'annullamento del verbale di contestazione dell'infrazione.

Sabato, 05 Maggio 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK