Domenica 24 Gennaio 2021
area riservata
ASAPS.it su

Depenalizzazione - Accertamento delle violazioni amministrative - Contestazione - Notificazione - A mezzo posta - Disciplina precedente l'entrata in vigore del D.L. n. 248/2007 - Assenza del destinatario - Consegna al custode dello stabile - Invio di raccomandata con ricevuta di ritorno - Necessità - Esclusione.

(Cass. Civ., Sez. II, 15 settembre 2008, n. 23589)

 In tema di sanzioni amministrative, nel caso di notifica a mezzo posta del verbale di accertamento dell'infrazione, ai sensi dell'art. 7 L. n. 890 del 1982 - nel regime applicabile ratione temporis, prima della modifica introdotta dall'art. 36, comma secondo quater, D.L. n. 248 del 2007, conv. in L. n. 31 del 2008 - ove la consegna del piego, per l'assenza del destinatario, sia avvenuta nelle mani del custode dello stabile di residenza di quest'ultimo, non è necessario l'invio della raccomandata con ricevuta di ritorno. Tale adempimento, infatti, è stato introdotto dal D.L. citato ed è imposto per le notifiche successive all'entrata in vigore di quest'ultimo.

 

 

 

 

 

 

Lunedì, 15 Settembre 2008
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK