Mercoledì 20 Gennaio 2021
area riservata
ASAPS.it su

Depenalizzazione - Accertamento delle violazioni amministrative - Contestazione - Verbale - Mancata indicazione del responsabile del procedimento - Nullità della contestazione - Sussistenza - Esclusione - Differente trattamento rispetto alla previsione dell’art. 8 L. n. 241/1990 - Fondamento -
Depenalizzazione - Accertamento delle violazioni amministrative - Contestazione - Verbale - Re-quisiti di specificità.

(Cass. Civ., Sez. I, 28 settembre 2006, n. 21058)

L’art. 8 della legge n. 241 del 1990, che impone, tra l’altro, l’indicazione espressa, nel provvedimento amministrativo, del responsabile del relativo procedimento, risponde a esigenze diverse da quelle tutelate dall’art. 14 della legge n. 689 del 1981. Ne deriva che l’eventuale omissione, nell’atto di contestazione di una infrazione amministrativa, delle predette indicazioni non ne determina la nullità. (L. 24 novembre 1981; n. 689, art. 8).
In relazione a infrazione al codice stradale (nella specie, sosta in zona di divieto), il requisito della specificità dell’atto di accertamento deve ritenersi osservato tramite l’indicazione del giorno e dell’ora, della natura della violazione, del tipo e della targa del veicolo, nonché della località del verificarsi del fatto, senza necessità di ulteriori indicazioni non indispensabili ad assicurare il diritto di difesa dell’incolpato. Di vero, poiché l’infrazione deve essere contestata in breve periodo di tempo, entro il quale può aversi ancora un collegamento mnemonico con il fatto ascritto, il soggetto è in grado, anche con la semplice indicazione della via, di sostenere e provare che la sua vettura non si trovava affatto in detta località, ovvero che si trovava in un settore nel quale non vigeva il divieto contestato, con conseguente tutela del suo diritto di difesa.

 

 

 

 

 

Mercoledì, 28 Giugno 2006
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK