Domenica 19 Settembre 2021
area riservata
ASAPS.it su

Depenalizzazione – Applicazione delle sanzioni – Pagamento della sanzione dopo l’introduzione del giudizio di opposizione – Acquiescenza – Influenza sul giudizio in corso – Esclusione.

(Cass. Civ., Sez. I, 22 agosto 2006, n. 18288).

In tema di sanzioni amministrative pecuniarie conseguenti  a violazioni del codice della strada, il pagamento della somma portata dal verbale di accertamento – il quale, in mancanza di pagamento del relativo importo o di opposizione al prefetto, costituisce titolo esecutivo, come prevede l’art. 203 c.d.s. – potendo ricollegarsi alla volontà dell’intimato di sottrarsi all’esecuzione forzata esperibile in base a detto provvedimento qualora non ne venga sospesa l’esecutività dal giudice dell’opposizione, non comporta di per sé acquiescenza, né incide sull’interesse a proporre opposizione ai sensi dell’articolo 22 della legge n. 689 del 1981.

 

 

 

Martedì, 22 Agosto 2006
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK