Martedì 24 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Depenalizzazione – Applicazione delle sanzioni – Violazioni del codice della strada – Modalità di formazione del titolo esecutivo e di riscossione coattiva.

(Cass. Civ., Sez. I, 6 novembre 2006, n. 23631)

In tema di sanzioni amministrative per violazioni del codice della strada, la disciplina dettata dagli artt. 203 e 204 del codice della strada, che conferiscono efficacia di titolo esecutivo, rispettivamente, al verbale di accertamento non opposto ovvero alla successiva ordinanza-ingiunzione, irrogativi della sanzione, e dal successivo art.206, che, ai fini della riscossione della stessa, dichiara applicabili, mediante il rinvio all'art, 27 della legge n. 689 del 1981, le norme previste per l'esazione delle imposte dirette, costituisce, tanto con riferimento alla fase della formazione del titolo esecutivo, quanto in relazione a quella della esecuzione coattiva, un sistema tassativo e derogatorio rispetto a quello previsto dalla normativa generale; l'amministrazione, pertanto, è priva della facoltà di ricorrere, in alternativa al predetto sistema, ai normali mezzi previsti dalla legge per la formazione del titolo esecutivo o per procedere ad esecuzione forzata. (In applicazione di tale principio, la S.C. ha cassato senza rinvio la sentenza del giudice di pace che aveva invece ritenuto ammissibile, in questa materia, il ricorso dell’amministrazione alla procedura monitoria e, decidendo nel merito, ha revocato il decreto ingiuntivo opposto).

Lunedì, 06 Novembre 2006
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK