Giovedì 06 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su

Codice della strada e ordine pubblico

di Michele Leoni

Diffondendo il messaggio da una discoteca tramite un’emittente radio, Tizio incita ripetutamente e pubblicamente tutti quelli che lo ascoltano a violare il codice della strada (non mettere le cinture di sicurezza, bere, correre in auto per arrivare prima). Viene condannato per il reato previsto dall’art. 415 codice penale (istigazione a disobbedire alle leggi di ordine pubblico) e la questione finisce in Cassazione, in quanto Tizio sostiene di avere soltanto scherzato, che il mancato rispetto dei limiti di velocità o dell’obbligo di indossare le cinture riguarda fatti non costituenti reato ma illeciti amministrativi, e che manca la prova concreta della ricezione degli slogan via radio da parte di una generalità di soggetti.

 

Leggi l'articolo

 

da Il Centauro n. 154

Venerdì, 09 Marzo 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK