Giovedì 08 Dicembre 2022
area riservata
ASAPS.it su
Omicidio stradale 20/11/2015

RIENTRATO L’ALLARME
IL PRESIDENTE DELL’ACI DI NAPOLI CI RASSICURA NIENTE EMENDAMENTI ALLA LEGGE SULL’OMICIDIO STRADALE, VA BENE COSI! E ORA SPERIAMO CHE SIA APPROVATA VELOCEMENTE

(ASAPS) Ricordate? Alcuni giorni fa avevamo pubblicato la notizia dal titolo:
Omicidio stradale: presentato al Senato un emendamento dell’ACI Napoli
non nascondiamo che la notizia ci aveva suscitato un certo allarme e la preoccupazione che l’iniziativa avesse potuto inceppare l’approvazione definitiva che ci auguriamo sia prossima al Senato.

Dopo la pubblicazione avevamo ricevuto commenti duri e contrari all’iniziativa dell’ACI di Napoli da parte di diversi esponenti di associazioni di vittime della strada e singoli associati ASAPS.
Oggi riceviamo una mail del dottor Antonio Coppola Presidente dell’ACI di Napoli che ci informa e rassicura in quanto
loro stessi hanno “constatato che, nell’ambito del disegno di legge sull’ omicidio stradale, sono stati accolti, in extremis, dalla Camera i rilievi mossi dall’ACI Napoli sulla scorta dei lavori del nostro seminario giuridico e del relativo convegno nazionale tenuto con i vertici della Corte Costituzionale, della Cassazione e dell’Avvocatura.

Speriamo, pertanto, che si pervenga quanto prima, in Senato, all’approvazione del testo definitivo, senza ulteriori modifiche, come anche dal lei auspicato, al fine di garantire piena giustizia alle vittime della strada ed ai loro cari e, nel contempo, porre un freno alle stragi che si consumano sull’asfalto.”

Forse nella fretta all’ACI partenopea era sfuggita la completa e definitiva stesura del testo approvato alla Camera. Per altro eravamo stupiti in quanto non avevamo avuto modo di incrociare dichiarazioni e proposte dell’ACI nella fase della stretta finale  nei giorni precedenti l’approvazione avvenuta in Aula alla Camera il 28 ottobre scorso, come quando tante associazioni di familiari e vittime e la stessa ASAPS erano davanti a Montecitorio al sit in il 26 ottobre scorso.
Meglio così. Ora la parola passa al Senato per l’approvazione definitiva. (ASAPS)


Un doveroso chiarimento,  per una iniziativa nata forse dalla fretta, che ci aveva allarmato e, diciamolo, anche un po’ insospettito. (ASAPS)

Venerdì, 20 Novembre 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK