Giovedì 08 Dicembre 2022
area riservata
ASAPS.it su
Omicidio stradale 18/11/2015

Omicidio stradale: presentato al Senato
un emendamento dell’ACI Napoli

La proposta di legge sull’introduzione dei reati di omicidio stradale e di lesioni personali stradali in discussione, adesso, al Senato per l’approvazione, pur prevedendo un inasprimento delle pene nei confronti di chi si è reso responsabile di incidenti mortali, conferma la natura colposa del reato.
 
Conclusione alla quale, peraltro, hanno contribuito i lavori del Seminario giuridico dell’ACI Napoli che, in uno specifico convegno nazionale sul tema, con la partecipazione dei vertici della Corte Costituzionale, della Cassazione e dell’Avvocatura, escludevano l’ipotesi dolosa per questo tipo di reato, se non in casi eccezionali.
 
Nonostante l’attuale orientamento repressivo del legislatore, in questa materia perdurano ancora evidenti incongruenze che l’Automobile Club Napoli ha rimarcato in una nota del suo Presidente, Antonio Coppola, inviata a tutti i senatori campani (di cui si allega il testo).
 

In particolare, per ciò che concerne i reati di lesioni personali colpose, allo stato, quelli derivanti da incidenti stradali sono puniti con la reclusione che può essere applicata solo nelle circostanze riconducibili ad infrazioni commesse alla guida in acuto stato di ebbrezza o sotto l’influsso di sostanze stupefacenti, essendo, queste, di pertinenza del Tribunale. In tutti gli altri casi, invece, la reclusione non può essere irrogata perché la competenza a giudicare spetta al Giudice di Pace il quale, però, può comminare solo pene pecuniarie e paradetentive con permanenza domiciliare fino ad un massimo di 45 giorni. In sostanza, per una identica infrazione - ad esempio, il mancato rispetto dello “stop”, dal quale conseguano lesioni gravi o gravissime per il pedone investito - l’arresto è previsto solo se il conducente del veicolo si trovi in stato di ebbrezza o di alterazione dovuta all’assunzione di droghe.
 
Nel ritenere ingiustificata questa disparità di trattamento sanzionatorio, spiega il Presidente Coppola, l’ACI di Napoli ha proposto la modifica della legge relativa alle competenze del Giudice di Pace. In pratica, si propone di attribuire al Tribunale i giudizi relativi ai reati di lesioni personali colpose, gravi e gravissime, in tutti i casi di violazione delle norme sulla disciplina della circolazione stradale”.
 
La proposta è stata raccolta dalla senatrice Angelica Saggese che ne ha fatto oggetto di un apposito emendamento in sede di Commissione Giustizia del Senato.
 

>La nota inviata dal Presidente dell’ACI Napoli, Antonio Coppola, a tutti i senatori campani


IL RETROPENSIERO
SIAMO SINCERI, NON CAPIAMO BENE LO SCOPO DI QUESTO EMENDAMENTO ALLA LEGGE SULL’OMICIDIO STRADALE PROPOSTO DALL’ACI DI NAPOLI!
Perché pensiamo che all’ACI sappiano bene che una modifica ulteriore della legge al Senato vorrebbe dire farla tornare alla Camera e significherebbe l’inizio del rimbalzo fra le due Camere e quindi della cd “Navetta”.
Una volta si diceva che la “Navetta” era un ottimo metodo per affossare una legge... Ma non è che qualcuno ha voglia di affondare l’Omicidio stradale dopo tanto faticoso cammino?
Ma no dai, sono solo i soliti retropensieri che a volte ci assalgono. (ASAPS)

Mercoledì, 18 Novembre 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK