Sabato 24 Febbraio 2024
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 11/09/2007

Tragedia nel tunnel in pieno centro, ma il bilancio poteva essere più grave

Auto e camion si scontrano in galleria e prendono fuoco: morti i conducenti È il panico, con centinaia di persone in fuga; 150 gli intossicati Inchiesta giudiziaria ed interna all’ANAS. Il parere dell’ASAPS

Un esercitazione all’interno del tunnel del Monte Bianco (Foto GEIE). Quante esercitazioni si fanno nei tunnel non in concessione?

(ASAPS) LECCO, 11 settembre 2007 –  Definirlo pomeriggio d’inferno non è affatto un eufemismo. Alle 13,05 i centralini di 113, 112, 118 e 115 sono letteralmente impazziti. In tal proposito, in concomitanza di macroemergenze come questa, dovremmo poter contare su un numero unico di emergenza, con personale addestrato a gestire il tipo di chiamata ed allertare contemporaneamente tutti i soccorsi necessari. Invece…
Torniamo all’evento: alle 13,05 – dicevamo – scatta l’allarme. Pochi secondi prima, l’Opel Tigra condotta da un uomo di 33 anni, V.C. di Abbadia Lariana (Lecco), aveva imboccato il tunnel “San Martino”, realizzato circa 8 anni fa per consentire alla nuova statale 36 del Lago di Como e dello Spluga (in questo tratto una vera e propria tangenziale cittadina) di liberare il capoluogo dalla morsa del traffico. La piccola spider del giovane si schianta contro il guardrail e si incendia nell’impatto. Per lui non c’è alcuna speranza: muore all’istante ed il suo corpo verrà estratto, carbonizzato, molte ore dopo. La volta della galleria si riempie all’istante di fumi densissimi, probabilmente con base di cianuro (gli stessi del Monte Bianco e di mille altre tragedie analoghe): un camionista lituano, che probabilmente aveva tentato di salvare l’automobilista dalle fiamme, non riesce ad allontanarsi in tempo. Stramazza al suolo a pochi metri dall’incendio, intossicato dalla nube che lo aveva avvolto. Molti altri, per fortuna, riescono ad uscire vivi dall’inferno sotterraneo. Si contano, alla fine, una ventina di intossicati, due dei quali in condizioni serie, e più di un centinaio di evacuati. L’Anas, a quanto ci consta, ha annunciato che aprirà un’inchiesta, affidando il compito di chiarire le cause ad una commissione già nominata e presieduta dal professor Vincenzo Ferro (Politecnico di Torino). A fianco di Ferro, ci saranno anche l’ingegner Amleto Pasquini (responsabile dell’Area Nord della Direzione esercizio e coordinamento del territorio dell’Anas) e l’ingegner Luigi Carrarini (funzionario tecnico responsabile della Disciplina specialistica impianti della Direzione centrale progettazione dell’Anas). Il professor Ferro, è considerato uno dei maggiori esperti internazionali di impiantistica dei tunnel e dovrà consegnare un’approfondita relazione entro 30 giorni. L’indagine giudiziaria, nel frattempo, è già partita, con i rilievi della Polizia Stradale e quelli dei Vigili del Fuoco, che dovranno redigere due rapporti distinti circa le cause dell’incidente, gli effetti dell’incendio e del perché, in una struttura nuova come quella lecchese, qualcosa sembri non aver funzionato a dovere. In effetti, secondo quanto riportato dall’Adnkronos nel primo pomeriggio di ieri (10 settembre), l’impianto di aerazione sarebbe partito con un ritardo di almeno 40 minuti, citando un Vigile del Fuoco impegnato nell’opera di soccorso, definita “molto difficoltosa” proprio per la presenza dei fumi in eccesso.
Il tunnel “San Martino”, inaugurato 8 anni fa, misura in tutto 2.060 metri ed è direttamente collegato – senza soluzione di continuità – al sottopasso di Lecco, lungo a sua volta 2 chilometri. In tutto, dunque, oltre 4mila metri nelle viscere della terra. Il manufatto è dotato di 22 telecamere ed è percorso in media da 22mila veicoli al giorno. È dotato di due carreggiate separate (una per ogni senso di marcia), ognuna delle quali costituita da 2 corsie (3,75 m ciascuna), con ai lati due banchine pedonabili di 0,75 m. nei 2mila metri del tunnel, ci sono 3 bypass, che consentono l’attraversamento in caso di emergenza, ma ad aiutare l’utente ci sono colonnine SOS, impianti di ventilazione (che a quanto pare non avrebbero funzionato), sistemi di rilevazione incendi e ripetitori telefonici.
Si dovranno attendere gli esiti dell’inchiesta giudiziaria, per poter esprimere valutazioni, ma quel che è certo è che se un evento del genere si fosse verificato in una qualsiasi galleria della E45, a nostro parere letali anche per l’incuria e l’indifferenza con cui (non) vengono mantenute, o di quelle monitorate dall’ACI nell’ambito di un’indagine europea eseguita dagli automobil club dell’UE e giudicate pericolose, sarebbe stata una carneficina. L’ANAS, questo, non può più ignorarlo e secondo noi è arrivato il momento di affidare certi compiti di controllo ad un organismo effettivamente terzo, che non sia “ente proprietario di strada”. (ASAPS)

© asaps.it

Di Lorenzo Borselli

Lecco
Martedì, 11 Settembre 2007
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK