Martedì 23 Luglio 2024
area riservata
ASAPS.it su
Pirateria , Notizie brevi 19/10/2023

Incidente Olginate, ubriaca investe e uccide un ciclista e scappa: arrestata 35enne. Identificata grazie a un passante

La donna aveva un tasso alcolemico triplo del consentito. Ha chiesto aiuto a un ragazzo per liberarsi della bici, rimasta incastrata sotto l'auto. Lui, insospettito, ha fotografato la targa
I soccorsi dopo l'incidente (foto Lecconline)

 

 

Ha travolto il ciclista, l’uomo è stato sbalzato sul parabrezza prima di finire a terra, la bicicletta è rimasta incastrata sotto l’auto. E nonostante questo non si è fermata, non ha chiamato i soccorsi, non ha cercato di aiutare Boukare Guebre, 39 anni, originario del Burkina Faso, residente a Garlate, padre di tre bambini, morto poco dopo il ricovero in ospedale. 

Mercoledì mattina i carabinieri della compagnia di Merate hanno arrestato il pirata della strada che lo scorso 8 ottobre aveva investito e lasciato agonizzante lungo la provinciale 72, a Olginate, l'operaio. Al volante della Polo grigia ripresa dalle telecamere di videosorveglianza c’era una donna di 35 anni, residente a Barzanò. Era ubriaca quando intorno alle cinque della scorsa domenica ha travolto Boukare, che stava andando al lavoro in bicicletta. Aveva bevuto tre volte in più dei limiti consentiti dalla legge, e la patente gli era appena stata restituita dopo il ritiro a febbraio di quest’anno proprio per guida in stato di ebbrezza. Ha travolto il 39enne, ha cercato di proseguire la marcia, si è dovuta fermare a duecento metri di distanza dall’incidente perché la bicicletta incastrata sotto la vettura non le consentiva di proseguire. 

Non ha detto nulla nemmeno quando un altro giovane straniero che si stava recando al lavoro l’ha incrociata lungo la strada, ha visto che era in difficoltà, si è fermato e l’ha aiutata a rimuovere la due ruote. Tolta la bici si è allontanata. Solo a questo punto il ragazzo si è insospettito, ha scattato la foto della targa della macchina, è tornato indietro lungo la provinciale e ha trovato il corpo di Boukare in un fosso. Inutili però i soccorsi, troppo gravi le ferite. Immagini e testimonianze hanno consentito ai militari di chiudere subito il cerchio. Poche ore dopo l’incidente sono andati a bussare all’abitazione della donna: si era barricata in casa, non voleva aprire, era in stato confusionale, tanto da essere ricoverata in ospedale, da cui è stata dimessa solo nelle ultime ore. Inizialmente denunciata, questa mattina è stata sottoposta agli arresti domiciliari. I carabinieri della stazione di Olginate hanno dato esecuzione all'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip su richiesta della Procura di Lecco. La donna è accusata di omicidio stradale e fuga. 

 

da corriere.it


 Ancora l’assunzione di alcolici alla base di una tragedia stradale.

 

 

 

 

 

 

SOSTIENI LA RACCOLTA DATI DELL'OSSERVATORIO ASAPS PER LA SICUREZZA STRADALE,
SOSTIENI LA VOCE LIBERA DELL'INFORMAZIONE SULLA SINISTROSITA' SULLE STRADE
CON LA TUA DONAZIONE ALL’ASSOCIAZIONE

 

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

 

Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

 

Clicca qui per seguire la nostra pagina Instagram

Giovedì, 19 Ottobre 2023
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK