Domenica 23 Giugno 2024
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 10/10/2023

Le riflessioni di Stefano Guarnieri sulla morte di Lorenzo Mori
“Omicidio stradale, banale incidente”
Testo pubblicato su La Nazione edizione di Pisa

Quando la giustizia italiana tratta i casi di omicidio stradale, nelle aule di tribunale dovrebbero sostituire il cartello “la legge è uguale per tutti” con un più significativo “l’ingiustizia è uguale per tutti”. Nonostante le modifiche legislative introdotte dal reato di omicidio stradale nel 2016, il legislatore, con l’introduzione della riforma Cartabia; le procure e i tribunali con la loro interpretazione; e i giudici della Corte costituzionale, hanno riportato l’omicidio stradale ad essere quello che è sempre stato nella testa di molti: un banale incidente nel quale una persona ha avuto la sfortuna di perdere la vita. La patente per guidare un’auto rimane un diritto a vita, anche se violando delle regole al codice della strada, uccidi.

Lorenzo Mori 16 anni, non è più con noi dal giugno di due anni fa. Mentre stava attraversando la strada con il verde, un automobilista sorpassa una fila di altre auto ferme al semaforo, viaggiando ad oltre 50 km/h, investe Lorenzo uccidendolo.

Si tratta di un omicidio stradale aggravato dalla condotta di aver superato delle auto in prossimità di un attraversamento pedonale. La legge avrebbe previsto dai 5 ai 10 anni di reclusione per il colpevole e 15 anni di revoca della patente.

La realtà riportata dalla stampa è un patteggiamento con una condanna a due anni e sei mesi di servizi sociali e la patente sospesa per due anni e otto mesi. La sospensione non è una revoca, quindi l’autore dell’omicidio di Lorenzo non dovrà sostenere un nuovo esame di guida.

Stanno uccidendo piano piano il reato di omicidio stradale con la convinzione da parte del legislatore e della gran parte della magistratura che uccidere in auto avendo comportamenti alla guida pericolosi,  come quello investire un pedone mentre attraversa con il verde o sulle strisce, non sia un fatto grave ma un peccato veniale. Un incidente.

Non è stata da meno la Corte costituzionale che ha eliminato la revoca obbligatoria nei casi di omicidio stradale di questo tipo. La gravità di quest’ultimo fatto è anche, a mio parere, la considerazione che la patente guida, una volta acquisita, sia considerata un diritto di libertà costituzionale (articolo 3), come se non esistessero altri mezzi di trasporto.

Cari italiani senza patente di guida, vi manca la possibilità di esercitare “il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.

La strada per considerare i reati stradali con la gravità che meritano è ancora lunga. Non esiste la reale percezione di un disvalore sociale né da parte dei cittadini, né da parte del parlamento e della amministrazione della giustizia.

Gualtiero, il padre di Lorenzo,  mi comunica che la motivazione di una così bassa sentenza accessoria sulla licenza di guida è stata che la patente serve all’uomo per lavorare. Anche la vita serviva a Lorenzo per studiare, giocare, amare, lavorare … per vivere almeno altri 66 anni.

Chissà se un giorno riusciremo a equilibrare questi diritti in maniera corretta nella bilancia della giustizia. Il diritto di Lorenzo a vivere, e quello dell’uomo che lo ha ucciso a guidare.

 

 


 

 

 

 

SOSTIENI LA RACCOLTA DATI DELL'OSSERVATORIO ASAPS PER LA SICUREZZA STRADALE,
SOSTIENI LA VOCE LIBERA DELL'INFORMAZIONE SULLA SINISTROSITA' SULLE STRADE
CON LA TUA DONAZIONE ALL’ASSOCIAZIONE



 

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

 

Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

 

Clicca qui per seguire la nostra pagina Instagram

Martedì, 10 Ottobre 2023
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK