Domenica 19 Maggio 2024
area riservata
ASAPS.it su

La strage di Gaida
«Lame è libero, me li hanno uccisi due volte»

Lo sfogo di Anjeza Hyseni, madre e nonna delle quattro vittime della strage di Gaida. I giudici hanno rigettato la richiesta di carcerazione di Orjol Lame, alla guida dell’auto

Reggio Emilia «È come se i nostri ragazzi fossero stati uccisi un’altra volta».

Si rivolge così ai giudici Anjeza Hyseni, mamma di Shane, Resat e Rejana, di 22, 11 e 9 anni, e nonna del piccolo Mattias Lame, di appena un anno e quattro mesi, alla notizia che il responsabile della strage di Gaida, consumatasi il 30 ottobre 2022 il trentenne, anch’egli di origini albanesi Orjol Lame, compagno della sua figlia maggiore, è libero ed è tornato in Albania. La richiesta di carcerazione presentata dal pubblico ministero Marco Marano, titolare del procedimento per omicidio stradale plurimo e pluri-aggravato in capo a Lame, è stata respinta anche dal Tribunale del riesame. Lame, quindi, dopo essere stato dimesso dall’ospedale di Correggio, è stato accompagnato in Albania dai famigliari.

Lame, come risulta dagli accertamenti, guidava a una velocità superiore al limite consentito, dopo aver assunto cocaina, oltre ad aver commesso altre violazioni. L’auto non era assicurata, né revisionata e non era neppure sua, senza contare che su di lui pendeva un decreto di espulsione: non si sarebbe nemmeno dovuto trovare in Italia.

I giudici ritengono, in sostanza, che non esistano pericoli di fuga o di reiterazione del reato, anche perché gli è stata ritirata la patente.

Il risultato, però, è che adesso Lame è di fatto un uomo libero e infatti se n’è già tornato in Albania. Un epilogo che la mamma di Shane, Resat e Rejana Hyseni, e nonna del piccolo Mattias, a sua volta rientrata a Durazzo con il marito dopo la tragedia che le ha distrutto la famiglia (le è rimasto solo un figlio) non può accettare. «Signori giudici, la vostra decisione ci ha spezzato il cuore – aggiunge la madre e nonna delle vittime –. Non si può lasciare libero l’assassino di questi bambini. Non è giustizia questa». Anjeza teme che il compagno della figlia maggiore finisca per sottrarsi al processo dal quale rischia una condanna a diversi anni di carcere: la donna, il marito e il figlio superstite, per essere assistiti, attraverso i consulenti Sabino De Benedictis e Sara Donati, si sono affidati a Studio3A-Valore Spa, società specializzata nel risarcimento danni e nella tutela dei diritti dei cittadini, e all’avvocato Nicola Termanini.

«Al riguardo – specifica lo Studio3A – si auspica con forza che l’incidente probatorio per espletare una perizia psichiatrica su Lame per accertarne la capacità di intendere e volere, e che adesso non ha chiaramente più ragion d’essere, venga revocato per poter celebrare quanto prima il processo e dare alla famiglia delle vittime le risposte che finora non ha ricevuto».

da gazzettadireggio.it

 

>Incidente Reggio Emilia, il test: Orjol Lame era ubriaco e drogato
Tragedia di Gaida, il conducente positivo ai test tossicologici, andava velocissimo e guidava un'auto priva di revisione e intestata a un defunto


I giudici hanno rigettato la richiesta di carcerazione di Orjol Lame, alla guida dell’auto. Quattro morti nello schianto, tre bambini. Era ubriaco e sotto l’effetto di stupefacenti. Ora è già tornato in Albania. Lo rivedremo al processo in Italia...? (ASAPS)

Venerdì, 07 Aprile 2023
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK