Mercoledì 28 Settembre 2022
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 20/07/2022

Sicurezza, innovativo sistema anticollisione per prevenire incidenti in corrispondenza dell’angolo cieco proposto da Linea Stradale srl

I dati Istat 2020 mostrano come circa il 7,6% degli incidenti stradali in Italia coinvolge un mezzo pesante. Secondo una precedente ricerca condotta dalla Polizia stradale, prendendo in considerazione i soli veicoli industriali con massa complessiva superiore a 7,5 tonnellate, in autostrada il dato sale al 15%.  Ma è nelle strade urbane che il dato salta meglio all’occhio: in Italia gli incidenti che coinvolgono mezzi di trasporto pesante sono oltre 10mila all’anno, ovvero più di 27 al giorno (dato Istat).

Non solo: l’Osservatorio PEDONI ASAPS 2021 ha contato ben 43 investimenti mortali provocati da autocarri, di cui ben 5 dei servizi di raccolta rifiuti. Molto spesso sono le vittime più anziane ad essere investite dagli autocarri, e su questo fronte ogni nuova tecnologia che allerti l’autista sulla presenza di persone e veicoli attorno al mezzo, può salvare vite umane. Otto casi hanno visto l’investimento provocato da retromarcia del mezzo pesante e in sei casi mentre svoltava ad un incrocio. Dati che devono far riflettere e che sono solo una stima preliminare perché molti gravi feriti che hanno perso la vita dopo i ricoveri nelle terapie intensive verranno conteggiati solo dopo mesi.

Nonostante gli sforzi dei costruttori in termini di sicurezza, guidare un mezzo pesante, di grandi dimensioni e con angoli ciechi, rimane un lavoro di grande attenzione e che comporta ancora dei rischi. Sia per il conducente stesso che per gli altri veicoli, che per i pedoni. Soprattutto nel traffico urbano, dove si aggiungono ulteriori variabili da tenere in considerazione, come il progressivo aumento sulle strade di ciclisti e di monopattini elettrici. Sono proprio questi i casi specifici in cui i sistemi di sicurezza più diffusi, come telecamere e sensori anteriori e posteriori, sembrano essere meno attendibili. Quando il possibile impatto proviene lateralmente e rischia di coinvolgere oggetti in movimento e di piccole dimensioni, non visibili tramite gli specchietti retrovisori.

 

Per arginare il fenomeno Linea Stradale srl propone sul mercato una soluzione semplice quanto efficace con il sensore Side Defender II. Un sistema di rilevamento di oggetti specificamente sviluppata per gli operatori di autocarri stradali e per i conducenti di città per servizi e consegne.

Azienda di riferimento nel settore della pulizia stradale, attiva da più di trent’anni nella fornitura di spazzole e ricambistica per spazzatrici stradali e compattatori, Linea Stradale offre una serie di dispositivi e soluzioni dedicati alla sicurezza le cui applicazioni sono trasversali; nettezza urbana, trasporto merci su gomma, operazioni in porti, cantieri, aree di grandi superfici .. numerosi sono gli ambiti che richiedono mezzi di grandi dimensioni che a loro volta sono scoperti negli angoli ciechi. Tra questi, il Side Defender II presenta notevoli vantaggi in termini funzionalità e facilità di installazione.

Montato sul lato di qualsiasi veicolo, allerta attivamente gli operatori con segnali acustici e visivi, in modo tale che questi possano reagire tempestivamente e adottare le misure appropriate per evitare o almeno mitigare le eventuali collisioni.
Dotato di Gps, il sistema riesce così a rilevare e riconoscere in tempo reale gli oggetti in movimento, così da escludere veicoli ed oggetti statici e pertanto allertare proprio quando si presenta il pericolo di collisione durante la guida. Tale funzione rappresenta una risorsa preziosa, soprattutto a margine delle operazioni di carico, scarico e ripartenza nei centri urbani.

Grazie ad un’installazione rapida ed intuitiva, anche per non addetti ai lavori, il Side Defender II può anche essere integrato con altre applicazioni telematiche, sistemi di controllo del veicolo, sistemi visivi o altri sensori utilizzando comunicazioni standard del settore. Per le applicazioni di retrofit, il nuovo display può fornire un messaggio di velocità del veicolo basato su Gps, mentre gli OEM e gli aggiornamenti possono collegare il display direttamente al bus CAN per i dati sulla velocità del veicolo.

I sistemi di individuazione dell’angolo cieco a protezione di ciclisti e pedoni saranno obbligatori dal 2022 su tutti i furgoni ed i mezzi pesanti di nuova omologazione (cat. M2-n2-m3-n3) e dal 2024* anche per i veicoli di nuova produzione. 

Si parla sempre più spesso di responsabilità sociale d’impresa, etica del lavoro , reputazione aziendale.. investire in questa tecnologia dà un forte segnale proprio in questa direzione!

*(Regolamento UE 2019/2144)

Mercoledì, 20 Luglio 2022
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK