Martedì 07 Luglio 2020
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 18/06/2020

NELLA RELAZIONE ANNUALE DELL'IVASS LA RICHIESTA ALLE COMPAGNIE DI RIMBORSO PER LE RCAUTO DURANTE IL LOCKDOWN PER IL COVID-19
a cura Ufficio Studi ASAPS

Lo avevamo chiesto come ASAPS a gran voce durante l'emergenza da Covid-19, ma oggi a chiederlo è nientepopodimeno che il Presidente dell'Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni (IVASS) Daniele Franco, nell'annuale relazione: care compagnie assicurative, riconoscete uno sconto per il periodo del "lockdown", visto il traffico ridotto e un calo del 50% del numero di sinistri, dato quest'ultimo derivato dalla Banca-dati Sinistri tra il 1.gennaio e il 15 maggio 2020.
Nella relazione si legge che "la sospensione forzata di attività economiche, i conseguenti riflessi
sul reddito e sulle disponibilità liquide dei cittadini, le limitazioni all’uso dei veicoli hanno sollevato diversi ordini di temi sul versante assicurativo: alcuni
a valenza contingente e immediata, quali il temporaneo mancato godimento
delle garanzie previste nel contratto; altri con un carattere strutturale e una
valenza prospettica, quali la ridotta diffusione delle coperture a protezione del reddito di famiglie e imprese e l’esclusione di alcuni eventi catastrofali, come le pandemie, nelle coperture in essere."
L'analisi di IVASS ha permesso di verificare che "molte compagnie hanno fornito prime risposte e adottato misure a sostegno della clientela, tra cui: la sospensione o la proroga del pagamento dei premi, il blocco delle azioni di recupero dei premi non pagati e delle franchigie, l'estensione di garanzie, l’offerta di servizi aggiuntivi e più recentemente la restituzione di una parte del premio r.c. auto."
Ma ecco il passaggio della relazione più importante, dove si afferma che" la riduzione forzata della circolazione ha avuto un impatto in termini di riduzione della frequenza dei sinistri, che nostri studi hanno stimato in circa il 50 per cento, consentendo di quantificare per le compagnie un risparmio medio variabile tra 36 e 41 euro per polizza.
Sono prime stime, effettuate su dati della Banca Dati Sinistri gestita
dall’IVASS e riferite al periodo 1° febbraio - 15 maggio 2020, che continueremo
ad aggiornare nei prossimi mesi. Se i dati confermeranno la riduzione dei
sinistri e, quindi, dei costi per le imprese, ci attendiamo che le misure di ristoro
agli assicurati si estendano."
Ecco se lo attendono soprattutto i consumatori, visto che alcune compagnie come UnipolSai hanno dato segnali importanti ma da oggi i segnali dovranno pervenire da tutte le compagnie, per un segno di rispetto verso gli italiani.
ASAPS da oggi intende monitorare le varie compagnie per comunicare chi realmente avrà risposto all'appello del Presidente IVASS Daniele Franco.

>IVASS - Relazione sull’attività svolta dall’Istituto nell’anno 2019

 

 

 


Giovedì, 18 Giugno 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK