Lunedì 10 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 13/01/2020

ATTIVAZIONE ZONE A TRAFFICO LIMITATO: NUOVE REGOLE DEL MIT DA LUNEDI' 13 GENNAIO
a cura Ufficio Studi ASAPS

Dopo le linee guida della scorsa estate, ecco che con un comunicato appena pubblicato sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, vengono diramate ulteriori disposizioni per l'attivazione o l'ampliamento delle zone a traffico limitato nei centri urbani. Regole sempre più stringenti, che obbligheranno le amministrazioni comunali a predisporre ulteriori progetti di dettaglio, schemi di viabilità, ulteriori servizi, segnaletica e planimetria conforme alle linee guida, un vero e proprio aggravamento dei procedimenti amministrativi per i Comuni italiani. Peraltro ad ASAPS non risulta alcuna consultazione dei documenti riguardanti le ZTL da parte dell'Associazione Nazionale Comuni Italiani, che tramite le Polizie Locali avrebbero sicuramente potuto apportare valutazioni e analisi al testo delle direttive emanate la scorsa estate.

L'ultima novità è che a decorrere dal giorno 13 gennaio 2020, le richieste di autorizzazione all'installazione dei sistemi di controllo degli accessi alle zone a traffico limitato ai sensi del D.P.R. n. 250/99, saranno esaminate e messe in istruttoria esclusivamente nel caso in cui siano complete della documentazione e rispondenti alle disposizioni contenute nelle "Linee Guida sulla regolamentazione della circolazione stradale e segnaletica nelle zone a traffico limitato" emanate con prot. n. 5050 del 28 giugno 2019, secondo le indicazioni contenute nel comunicato dell'8 gennaio 2020. Molte richieste di autorizzazione - si legge nel testo del comunicato - pervengono al MIT in forma parziale, impropria e comunque non rispondente alle predette linee Guida, al fine di consentire una più agevole attività istruttoria delle richieste stesse e garantire una tempestiva risposta le richieste di autorizzazione saranno esaminate e messe in
istruttoria esclusivamente nel caso in cui siano rispettate tutte le seguenti condizioni:

- completezza della documentazione allegata alla richiesta:
1. delibera di Giunta di istituzione della zona a traffico limitato (ZTL);
2. regolamentazione della ZTL (disciplinare) attuata attraverso specifica ordinanza dirigenziale riportante i criteri di limitazione e le categorie di veicoli e/o utenti a cui si applica il divieto, il regime di permessi e deroghe, nonché la specifica del numero dei varchi e della loro ubicazione, e la specificazione dei periodi e degli orari di vigenza della ZTL;
3. relazione descrittiva riportante:
a) le finalità dell’istituzione della ZTL e del controllo elettronico;
b) l’individuazione dei varchi necessari a preservare la ZTL;
c) l’indicazione dello specifico dispositivo da installare, e dell’eventuale specifica configurazione, nonché l’indicazione del relativo decreto di omologazione e/o estensione;
d) l’indicazione del numero verde o altro recapito per favorire la mobilità delle persone con disabilità;
4. planimetria riportante la perimetrazione della ZTL, con l’indicazione delle vie di fuga e la posizione dei varchi e della relativa segnaletica di preavviso e di varco;
5. schemi grafici della segnaletica di preavviso e di varco conformi alle “Linee Guida sulla regolamentazione della circolazione stradale e segnaletica nelle zone a traffico limitato”;

- rispetto di tutte le disposizioni contenute nelle “Linee Guida sulla regolamentazione della circolazione stradale e segnaletica nelle zone a traffico limitato”;
- trasmissione esclusivamente all’indirizzo PEC dg.ss-div2@pec.mit.gov.it di tutta la predetta documentazione, in modo complessivo ed unitario.
Appare poi anomala la successiva disposizione, e limitativa della potestà delle Amministrazioni comunali ai sensi dell'art. 7 del Codice della Strada, in quanto si dispone che "non potranno essere messe in istruttoria richieste relative all’installazione di varchi aggiuntivi a quelli già autorizzati nella medesima ZTL nel corso dei dodici mesi precedenti, al fine di evitare la necessità di un esame ripetuto da parte del Ministero. Se un Sindaco è stato autorizzato alla ZTL nel dicembre 2019, fino al dicembre 2020 non potrà aggiungere alcun varco, anche se questo migliora la viabilità e l'accesso alla zona da controllare. A parere dell'Ufficio Studi di ASAPS, i Comuni devono iniziare a valutare attentamente le linee-guida, suggerendo possibili miglioramenti alle direttive appena emanate. ASAPS, come sempre attiva nella divulgazione delle norme e disposizioni in materia di circolazione e sicurezza stradale, ha deciso perciò di pubblicare il comunicato dell'8 gennaio 2020, le linee-guida per l'autorizzazione alle ZTL del 2019 e l'elenco aggiornato delle città in cui è attiva una zona a traffico limitato.

>COMUNI CON ZONE A TRAFFICO LIMITATO IL CUI ACCESSO E' CONTROLLATO ELETTRONICAMENTE
(Aggiornato al 31 Luglio 2019)

>Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti
Procedure autorizzative all’installazione dei sistemi di controllo degli accessi alle zone a traffico limitato ai sensi del D.P.R. n. 250/99 in coerenza con le “Linee Guida sulla regolamentazione della circolazione stradale e segnaletica nelle zone a traffico limitato” emanate con prot. n. 5050 del 28 giugno 2019
Nuove richieste di autorizzazione dal 13 gennaio 2020

>Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti
Linee Guida sulla regolamentazione della circolazione stradale e segnaletica nelle zone a traffico limitato


Ecco in sintesi tutte le (complicate) novità in materia di ZTL con le nuove regole emesse dal MIT. (ASAPS)

 

Lunedì, 13 Gennaio 2020
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK