Sabato 15 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Omicidio stradale , Notizie brevi ,... 26/07/2016

Omicidio stradale, a Taranto due morti e due feriti gravi. Autista arrestato: positivo all'alcol test

Lo schianto nella notte tra domenica e lunedì sulla strada provinciale 75 che collega Crispiano a Montemesola. Il conducente è piantonato dai carabinieri in rianimazione al Santissima Annunziata

TARANTO - Un'altra tragedia sulle strade del Tarantino. Nella notte tra domenica 24 e lunedì 25 luglio sulla strada provinciale 75 che collega Crispiano a Montemesola un’auto è uscita fuori strada e si è schiantata contro un muretto a secco. Il conducente è stato arrestato dai carabinieri per omicidio stradale: è risultato positivo all’alcol test.
A bordo dell’auto c’erano quattro giovani romeni residenti in Puglia da tempo. Due degli occupanti, un 24enne e una 17enne residenti il primo a Crispiano e l’altra Grottaglie, sono morti sul colpo, mentre il conducente di 21 anni e una 22enne sono stati soccorsi dai medici del 118 e ricoverati in prognosi riservata all’ospedale Santissima Annunziata di Taranto. Le loro condizioni sono considerate gravi.
L'incidente è avvenuto poco dopo la mezzanotte. L’Alfa Romeo 147 di colore grigio metallizzato su cui viaggiavano i quattro si è schiantata contro un muretto a secco, poi si è ribaltata più volte finendo fuori dalla sede stradale in un uliveto. I vigili del fuoco hanno estratto i corpi e i due feriti sono stati immediatamente portati all’ospedale. Il conducente, risultato positivo all’uso di alcol, è agli arresti domiciliari, piantonato dai carabinieri nel reparto di rianimazione.
Il bilancio dell’estate 2016 sulle strade del Tarantino è drammatico: una dozzina almeno i morti solo negli ultimi mesi. L’incidente più grave quello del 26 giugno sulla strada statale 7 fra Castellaneta e Laterza, in cui sei persone sono morte sul colpo in un frontale. A bordo di un’auto c’erano cinque ragazzi di Altamura, tre donne e due uomini, diretti al mare per trascorrere la domenica in spiaggia. Sull’altra auto un operaio dell’Ilva che tornava a casa dopo il turno di notte.
Nel giro di 48 ore altri due morti sulle strade del Tarantino: il 27 giugno un 26enne di Lizzano, Leonardo Panariti, ha perso la vita schiantandosi contro un muro a bordo della sua Dacia sulla strada per Lizzano. Il 28 giugno a perdere la vita è un 28enne di Taranto, Simone Fumarola, che ha colpito un palo mentre era in sella alla sua moto.
Il 12 luglio altri incidenti mortali: a Mottola una ragazza di 22 anni originaria di Putignano è stata sbalzata fuori dall’abitacolo e schiacciata dall’automezzo. I carabinieri hanno arrestato l’uomo al volante, un ventinovenne originario di Brindisi, accusato di omicidio stradale perché al volante sotto effetto di alcol e cannabinoidi. Sulla A14 all’altezza di Acquaviva delle Fonti un furgone è uscito fuori strada a causa dello scoppio di uno pneumatico e un passeggero di 44 anni, di nazionalità macedone, ha perso la vita sul colpo.
 

di Vittorio Ricapito
da bari.repubblica.it


Un altro incidente gravissimo, duplice Omicidio stradale. (ASAPS)

Martedì, 26 Luglio 2016
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK