Sabato 24 Luglio 2021
area riservata
ASAPS.it su

Falso allarmismo sul reato di Omicidio stradale
da repubblica.it

Secondo una stima dell'Asaps, sulla base dei dati raccolti dal suo Osservatorio il Centauro (2014 e 2015), dovrebbero essere effettuati fra 100 e 150 arresti obbligatori

Dopo una lunga battaglia è stato finalmente introdotto il reato di “Omicidio stradale”. La sua entrata in vigore ha però fatto nascere alcuni timori e perplessità circa le possibili conseguenze dovute all’applicazione della nuova legge che, ricordiamo, soltanto per i casi più gravi prevede l’obbligo dell’arresto. A cercare di fare maggiore chiarezza sull’argomento è l’Associazione sostenitori amici polizia stradale che, ancora una volta, intende così fugare le paure degli “onesti” guidatori.

“Crediamo sia arrivato il momento di smontare l’allarme – precisano all’Asaps – che ha aleggiato su qualche organo di informazione e nelle dichiarazioni di alcuni politici o addetti ai lavori, con la previsione a seguito della legge sull’Omicidio stradale di numerosi arresti per sinistri gravi, secondo alcuni nell’ordine di diverse centinaia. Le cose non stanno esattamente in questo modo e l’allarme lanciato appare veramente eccessivo e immotivato. E’ noto che l’arresto  obbligatorio è previsto solo per le ipotesi più gravi di Omicidio stradale, cioè per quei casi in cui il conducente che provoca la morte di una o più persone sia ebbro alla guida con un valore alcolemico superiore a 1,5 g/l o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, o ancora se sia  ebbro con un valore superiore a 0,8 g/l nei soli casi in cui  si tratti di conducente di un veicolo adibito al trasporto pubblico di persone o un autocarro di peso superiore a 35 q”.

Dopo questa premessa all’Asaps ipotizzano una stima sugli eventuali arresti, stilata sulla base dell’ampio archivio composto dai dati raccolti dal suo Osservatorio:
“Ebbene sulla base dei dati già preventivamente raccolti dall’Osservatorio il Centauro – Asaps per gli anni 2014 e 2015, emerge che le ipotesi estreme e più gravi archiviate portano ad una cifra totale che si fermerà fra 100 e 150 arresti obbligatori, ai quali si potranno aggiungere alcune decine di conducenti di veicoli adibiti al trasporto pubblico di persone e veicoli pesanti, nel caso abbiano superato al momento dell’incidente il valore alcolemico di 0,8. E’ più difficile invece quantificare i possibili arresti facoltativi (quasi tutti ai domiciliari)  nelle diverse ipotesi di omicidio previste dalla nuova legge. Secondo l’ Asaps l’entrata in vigore della legge dal 25 marzo scorso, esplica già un suo valore deterrente. Per questo il numero di omicidi stradali  dovrebbe diminuire e di conseguenza anche quello degli arresti obbligatori  al di là delle più negative previsioni avanzate all’atto dell’approvazione della legge. D’altra parte la previsione dell’Asaps sembra essere confortata dal fatto che già nei primi 10 giorni dall’entrata in vigore della legge, esodo pasquale compreso, non è stato ancora eseguito un solo arresto obbligatorio. Gli unici arresti effettuati dalle forze di polizia, nell’ordine di alcune unità, sono scaturiti sulla base nella nuova normativa vigente per i soli casi di arresto facoltativo”.

Infine l’Asaps sostiene la necessità di un attento monitoraggio sui risultati derivati dall’applicazione della nuova normativa che accompagna l’entrata in vigore del reato di Omicidio stradale:
“Ora si tratta di monitorare con attenzione i risultati che seguiranno all’entrata in vigore della legge sull’Omicidio stradale anche per valutare alcune correzioni che da una prima applicazione sembrano rivelarsi già necessarie  alla luce delle ponderate valutazioni della magistratura nella fase applicativa. Discorso diverso e fortemente dissuasivo può essere invece quello relativo alle possibili condanne certamente e significativamente più severe rispetto quelle evanescenti del passato, ancor di più potranno pesare poi le revoche della patente per periodi che vanno da 5 anni per le lesioni gravi o gravissime  a 15 anni per gli incidenti mortali nelle ipotesi più gravi e fino a 30 per i pirati della strada. L’Asaps continuerà a monitorare il fenomeno anche con il supporto dei dati di tutti i suoi Osservatori a cominciare da quello della Pirateria stradale”. (m.r.)

da repubblica.it


I risultatati della proiezione dell’ASAPS sul possibile numero di arresti obbligatori conseguenti all’Omicidio stradale.

Giovedì, 07 Aprile 2016
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK