Giovedì 26 Novembre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 14/12/2015

Sicurezza stradale e pneumatici invernali

La sicurezza stradale è un obiettivo di primaria importanza poiché, nonostante le numerose campagne e le normative volte a rendere più sicure le strade, molte migliaia di persone continuano a perdere la vita ogni anno in incidenti stradali. Le cause più comuni degli incidenti sono molteplici: dal mancato rispetto delle norme, alla guida in stato di ebbrezza, all’uso di pneumatici non a norma. Tra gli altri fattori che presentano particolare pericolosità vi sono le condizioni delle strade oltre a quelle atmosferiche e climatiche. Possiamo affermare che situazioni ambientali avverse, ad esempio pioggia, neve o ghiaccio, incidono fortemente sul controllo del veicolo. Nonostante non siano presi molto in considerazione, il clima e le condizioni della strada, soprattutto durante la stagione invernale, presentano molti rischi anche per gli automobilisti più esperti.
 
In tali situazioni le performance di ogni parte della vettura sono importanti, ma un ruolo molto rilevante è rivestito dagli pneumatici, l’unica parte della vettura a contatto con il suolo e un elemento strategico per la sicurezza non solo del conducente, ma di tutti i passeggeri e anche dei pedoni. Assieme agli specialisti della vendita di pneumatici di gomme-auto.it vogliamo esaminare meglio i rischi che si corrono durante il periodo freddo e come gli pneumatici invernali possono garantirci maggiore sicurezza.

È senza dubbio alquanto difficile affermare quanti degli incidenti stradali siano riconducibili direttamente agli pneumatici ossia all’uso di pneumatici errati (estate/inverno), alle cattive condizioni (usura) o all’errata pressione di gonfiaggio, ma in particolari situazioni atmosferiche oppure del fondo stradale uno pneumatico sottogonfiato o danneggiato può determinare o contribuire al verificarsi di un incidente.
 
In inverno, a causa di temperature basse, acqua, neve o ghiaccio, le prestazioni degli pneumatici si riducono inevitabilmente con una conseguente perdita di aderenza, aumento dello spazio di frenata e rischio di aquaplaning. Perciò, per viaggiare in sicurezza durante il periodo invernale, oltre a guidare con maggiore prudenza e cautela, è necessario dotare la propria vettura di pneumatici adeguati in modo da ridurre i pericoli connessi alle temperature basse e alla presenza di neve o ghiaccio sul manto stradale.
 
Purtroppo, da un’indagine svolta sembra che gli automobilisti italiani non siano troppo attenti alle proprie gomme e alle loro condizioni. Uno degli errori più frequenti è proprio quello di guidare in inverno con pneumatici estivi o in estate con pneumatici invernali.
Dai controlli effettuati dalla Polizia stradale in sette regioni (Basilicata, Campania, Friuli Venezia Giulia, Marche, Molise, Lazio e Liguria) tra metà maggio e metà giugno di quest’anno è emerso che molte vetture (il dato è diverso nelle varie regioni, ma oscilla tra il 17-18% e il 30%) montavano ancora gomme invernali. E una percentuale superiore al 3% presentava un equipaggiamento non omogeneo ossia aveva sullo stesso asse gomme diverse per marca, modello o addirittura misura.
 
Occorre perciò precisare che dal punto di vista normativo vige l’obbligo di montare pneumatici invernali nel periodo 15 novembre-15 aprile. Anche se la legge consente di montare solo due pneumatici termici, si consiglia di montare un intero treno di gomme invernali, poiché due pneumatici da neve su un solo asse determinerebbero un’aderenza diversa tra l’asse anteriore e quello posteriore del veicolo, e quando il fondo stradale è scivoloso, si correrebbe il rischio di testa-coda. Mentre un intero treno di gomme termiche garantirebbe una guida più sicura e una maggiore aderenza. Infatti, nei mesi più freddi le gomme da neve sono sinonimo di sicurezza stradale grazie alle particolari caratteristiche di mescola e battistrada. La mescola contiene determinate sostanze (silice, olio di girasole, colza…) che le consentono di rimanere morbida anche alle basse temperature in modo che l’aderenza con temperature inferiori ai 7 gradi centigradi sia assicurata. Il battistrada è dotato di scanalature profonde che assicurano l’evacuazione dell’acqua, e di lamelle che devono “aggrapparsi” alla neve e garantire una buona trazione.


 

Oltre a equipaggiare la vettura con pneumatici invernali, controllateli! Infatti, per svolgere bene la loro funzione, le scanalature del battistrada devono essere profonde non meno di 4 mm se devono “mordere la neve”, evacuare rapidamente l’acqua e ridurre la distanza di frenata. Uno pneumatico in buono stato assicura buona tenuta di strada, stabilità e capacità di frenata. Inoltre, anche se per il Codice della strada è sufficiente che nel periodo invernale siano montati pneumatici con la marcatura “M+S” (Fango+Neve), il vero marchio degli pneumatici da neve che attestano il superamento di test specifici di performance su neve e ghiaccio è la montagna con le tre cime e il fiocco di neve (3PMSF). E la montagna a tre punte può davvero fare la differenza in termini di sicurezza. 

 

 

Nicolina Pomilio
www.gomme-auto.it
 
 

Lunedì, 14 Dicembre 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK