Venerdì 06 Dicembre 2019
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 17/12/2013

LE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE AMBIENTALE ED ITTICO-VENATORIE
Avv. Gaetano Alborino*

Un interessante ed esaustivo articolo sulle prerogative delle Guardie volontarie (ASAPS)

Avv. Gaetano Alborino*
Foto da arcipescagenova.it

Le guardie giurate volontarie delle associazioni di protezione ambientale non rivestono funzioni di polizia giudiziaria.
Le guardie giurate volontarie, addette alla vigilanza ittica e venatoria, non hanno alcuna competenza di controllo sulla corretta gestione dei rifiuti

 

1. Quadro normativo di riferimento
Le fonti giuridiche primarie, rilevanti ai fini della potestà sanzionatoria delle guardie giurate volontarie delle associazioni di protezione ambientale ed ittico-venatorie, sono:
•    R.D. 8 ottobre 1931, nr. 1604;
•    Legge 11 febbraio 1992, nr. 157;
•    Legge 20 luglio 2004, nr. 189;
•    D. Lgs. 9 gennaio 2012, nr. 4.
Resta escluso, tra le succitate fonti, il D. Lgs. nr. 152/2006 (cd. Testo Unico dell’Ambiente), nel quale non è dato rinvenire alcuna attribuzione alle guardie giurate volontarie di qualsivoglia competenza – di prevenzione e/o di repressione - in materia di tutela dell’ambiente, ed in particolare di vigilanza e controllo sulla corretta gestione dei rifiuti, urbani e speciali, nonché sull’inquinamento delle acque e sugli scarichi idrici.
Per la lettura combinata delle disposizioni relative alla normativa richiamata, per motivi di sintesi, si rinvia allo schema in appendice.

 

> Leggi l'articolo

 

 

 

 

 


 

Martedì, 17 Dicembre 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK