Sabato 31 Ottobre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 22/05/2013

Le “novità” in materia di scadenze assicurative

di Giovanni Fontana*
Foto Coraggio - Archivio Asaps

Prefazione
Tutto cambi, perché nulla cambi.
Senza entrare nel merito della vicenda che ha caratterizzato alcune delle riflessioni (usando con ciò, un evidente eufemismo) più interessanti di fine d’anno, torniamo oggi a riflettere sul tema dell’assicurazione obbligatoria e, più specificatamente, della copertura assicurativa nei quindici giorni successivi alla scadenza del contratto.
 

FATTO
Tizio, già assicurato con la Inghippo Assicurazioni S.p.A., viene sorpreso alla guida del proprio autoveicolo, con documentazione assicurativa scaduta da sei giorni. Ci domandiamo se e quali misure dobbiamo adottare nei suoi confronti.

 

DIRITTO
L’art. 1882 c.c. fornisce la nozione di assicurazione, stabilendo che è il contratto col quale l’assicuratore, verso il pagamento di un premio, si obbliga a rivalere l’assicurato, entro i limiti convenuti, dal danno ad esso prodotto da un sinistro ovvero a pagare un capitale o una rendita al verificarsi di un evento attinente alla vita umana.
Tale contratto deve essere provato per iscritto ed in questo caso specifico, l’assicuratore è tenuto a rilasciare la relativa polizza di assicurazione o altro documento da lui sottoscritto (art. 1888 c.c.)....


 

>Leggi l'articolo


 

da il Centauro n. 166

Mercoledì, 22 Maggio 2013
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK