Lunedì 24 Giugno 2024
area riservata
ASAPS.it su
Articoli 14/11/2012

Il volto della sconfitta (To protect and serve)

Commenta nel blog

di Francesco Forasassi (*)

> Commenta nel blog

 

Altea aveva soltanto 17 anni. E' morta investita sulla strada.
Se fossero confermate le informazioni sulle circostanze della sua morte diffuse dai media, ovvero che Altea sarebbe stata investita da un SUV condotto da un uomo in stato di ebbrezza alcoolica (tre volte oltre il limite), piombato su di un gruppo di persone in bicicletta ad una velocità tale che, dopo l'impatto, ci sono voluti 300 metri per fermarsi, allora Altea è lo splendido volto della sconfitta.

Per le Leggi di questo Paese, la morte di Altea sarebbe un incidente, e basta.
Un incidente come tanti. Né il primo, né l'ultimo.
Non si sarebbe trattato di un omicidio.
Altea non sarebbe stata uccisa da un ordigno stradale semovente come ve ne sono tanti in giro per le nostre strade.
Guardatela bene in faccia, perchè se ne incontrate uno sulla vostra, di strada, questo è quello che succede.
E mentre chi dovrebbe proteggere con le Leggi la Vita delle Persone ignora semplicemente tutto questo, chiunque porti una divisa sulla strada (come me) e senta come primo compito del proprio mestiere quello di garantire la sicurezza sulle strade (come me), questi deve sentirsi in colpa (come mi sento io oggi).
Altea è il volto della sconfitta di parecchie persone.
Di tutti coloro che dovrebbero garantire la sicurezza sulle strade, a qualsiasi titolo ed in qualsiasi ruolo, figura, circostanza e contesto.
Nessuno di noi era lì per fermare quell'auto, per disinnescare in tempo utile quell'ordigno prima che esplodesse con conseguenze ampiamente prevedibili.
Il perchè nessuno di noi era lì, io lo so ma ditemelo anche voi.
Questo servirà ad alleviare un po' il peso che sento guardando questa foto.
Chiunque si metta una divisa ad inizio turno per proteggere e servire, saprà che se qualcuno di noi fosse stato sulla strada ad alzare la sua paletta verso il conducente dell'auto che ha ucciso Altea, lei sarebbe oggi ancora viva.
Vi pare non sia abbastanza per riempire di significato una professione?
Se non vi pare sia abbastanza, dovete sentirvi più in colpa di me.
E cambiare mestiere. 

 

(*) Ispettore Polizia Municipale, Istruttore Area SAFE

 

 

Mercoledì, 14 Novembre 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK