Mercoledì 28 Settembre 2022
area riservata
ASAPS.it su
Pirateria 13/01/2012

Milano
Agente della Polizia Locale travolto e ucciso da un Suv 
dopo una lite con un automobilista
Il conducente dell'auto è ricercato per omicidio volontario. 
L'agente aveva 43 anni
La violenza stradale dilaga

I primi rilievi della polizia giudiziaria a via Vare, nel piazzale antistante la Stazione Bovisa, dove un vigile urbano è stato investito e ucciso da un suv (Newpress) - da Corriere.it

(ASAPS) Sconvolgente la cronaca di quanto è accaduto a Milano nella serata di giovedì 12 gennaio. Secondo quanto riferiscono le agenzie  una banale lite si è trasformata in tragedia nel tardo pomeriggio di oggi in via Varé. Un vigile urbano è stato travolto e ucciso dal conducente di un Suv, dopo aver litigato - a quanto è stato per ora possibile sapere - per una multa. L'uomo, 43 anni, è spirato poco dopo il suo ricovero all'ospedale Niguarda. Il conducente dell'auto è riuscito a scappare ed è tuttora ricercato: dovrà rispondere dell'accusa di omicidio volontario. Sul posto è intervenuita una pattuglia della Polizia locale, che sta svolgendo gli accertamenti.


DINAMICA - Sarebbero state due le persone a bordo del Suv che ha investito e ucciso il vigile. Secondo quanto riferito le due persone a bordo dalla Bmw serie X5 sarebbero di carnagione chiara. Sul posto sono subito giunti l'assessore alla Sicurezza Granelli e il comandante dei vigili urbani Mastrangelo. Sconvolto l'assessore ha dichiarato: «Voglio dare la solidarietà alla famiglia del nostro vigile e a tutto i suoi colleghi che ogni giorno svolgono il loro lavoro con dedizione mettendo a rischio la propria vita». La dinamica del fatto non è stata ricostruita con chiarezza. Di certo due vigili, la vittima e un collega, stavano effettuando dei controlli. Il conducente della Bmw è partito cercando di investire un pedone per poi colpire il vigile che è stato trascinato per centinaia di metri. Sul posto sta per arrivare il sindaco di Milano Pisapia.


Ora è facile dire: ce l'aspettavamo. Ma è così. La violenza stradale sta assumendo toni di gravità estrema, piraterie e aggressioni alle divise sono all'ordine del giorno in un crescendo incontenibile e circondato dall'indifferenza di chi dovrebbe assumere provvedimenti conseguenti.
Se la civiltà di un popolo si misura dal comportamento della gente sulle strade e al rispetto verso le divise, allora qui siamo ormai tornati alle caverne.
Alla famiglia dell'agente e ai colleghi della Polizia Locale di Milano la solidarietà dell'ASAPS.
(ASAPS)

Venerdì, 13 Gennaio 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK