Giovedì 22 Ottobre 2020
area riservata
ASAPS.it su
Sicurstrada 12/01/2011

Il quesito del giorno - Trasporto di derrate alimentari non confezionate in regime di ATP, quali prescrizioni osservare?

Nel trasporto di derrate alimentari fresche non confezionate in regime di ATP, dopo l’abrogazione di alcune leggi sanitarie, e con l’introduzione della richiesta (DIA), la risposta da parte degli enti sanitari preposti è obbligatoria entro un termine prefissato? Inoltre quali sanzioni adottare se il conducente non ha al suo seguito documentazione idonea oppure mancante?
Grazie

email- Polignano a Mare (Ba)

***

(ASAPS) In riferimento a quanto esposto nel quesito, si rappresenta che l’art. 3 del D. Lgs. n. 193/2007 ha abrogato l’obbligo dell’autorizzazione sanitaria per  l’esercizio di stabilimenti, laboratori di produzione, preparazione e confezionamento, nonchè di depositi all’ingrosso di sostanze alimentari, compreso il trasporto, sostituendola con la registrazione dell’attività che  si consegue con la denuncia di inizio attività (D.I.A.). Durante il  trasporto vanno osservate le prescrizioni di cui al Regolamento CE 852/2004, ma non vi sono obblighi specifici di conservare una copia della D.I.A,  debitamente timbrata a prova dell’avvenuta registrazione, sul veicolo anche se alcune A.S.L. lo ritengono necessario.(ASAPS)

Mercoledì, 12 Gennaio 2011
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK