Martedì 16 Aprile 2024
area riservata
ASAPS.it su

di Giordano Biserni*
L’anno che verrà
Ancora con l’altra “pandemia”, quella che miete tantissime vite sulla strada
Ma il “vaccino” in questo caso ancora non si trova

L'inizio di un anno è il momento della speranza in tempi migliori. Speranza che spesso purtroppo viene delusa da una serie di vecchi e nuovi eventi che vanno in direzione contraria.
Ho già scritto che parlare di sinistri stradali e di vittime della strada in un inizio di anno che parte mentre siamo ancora di fronte alla tragedia di due drammatiche guerre può sembrare riduttivo e persino inopportuno.
Ma guardando bene i numeri degli “incidenti” stradali per i quali perdono la vita quasi un milione e duecentomila persone ogni anno ecco che vien da dire che siamo di fronte ad una vera “pandemia” come l’ha definita Jean Todt, inviato speciale Onu per la sicurezza stradale, presentando l’ultimo rapporto sui decessi sulle strade redatto dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms)...

>Leggi l'editoriale

da il Centauro n. 262

 


 

 

SOSTIENI LA RACCOLTA DATI DELL'OSSERVATORIO ASAPS PER LA SICUREZZA STRADALE,
SOSTIENI LA VOCE LIBERA DELL'INFORMAZIONE SULLA SINISTROSITA' SULLE STRADE
CON LA TUA DONAZIONE ALL’ASSOCIAZIONE

 

 

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

 

Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

 

Clicca qui per seguire la nostra pagina Instagram

 

 

Mercoledì, 10 Gennaio 2024
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK