Mercoledì 21 Febbraio 2024
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 31/07/2017

Sindacato dei vigili del fuoco: "Bimbo morto soccorso in ritardo, colpa del numero unico"

Polemica dopo la morte nella colonia estiva dell'Alessandrino
La centrale operativa dei vigili del fuoco

La richiesta di intervento ai vigili del fuoco per salvare Leonardo Pecetto - il bambino di 10 anni annegato ieri pomeriggio a Bosio - è arrivata con 15 minuti di ritardo. La denuncia è del Conapo, il sindacato dei vigili del fuoco: “Dai dati in nostro possesso i vigili del fuoco sono stati allertati ben 15 minuti dopo che la richiesta di soccorso è pervenuta al numero unico di soccorso 112”.

Da tempo il sindacato dei vigili del fuoco si è dimostrato scettico sul funzionamento del numero unico che da qualche mese unifica - in linea con il resto d’Europa - tutte le forze dell’ordine e di pronto intervento: tutte le chiamate arrivano al centralino del 112 e poi vengono smistati dagli operatori.
“Ma quello che è successo conferma ancora una volta che i protocolli di allerta utilizzati dal numero unico 112 del Piemonte non funzionano e sono forieri di ritardi. I vigili del fuoco hanno il compito istituzionale del soccorso pubblico e vanno avvisati subito, sempre, per questo chiediamo di fare piena luce sui tempi di allerta nel caso di Bosio”, dice Claudio Cambursano, segretario piemontese del sindacato che chiede un’indagine su questo aspetto. Il bambino è stato trascinato nel torrente da un masso su cui era seduto a cavalcioni che si è staccato. Il peso della pietra lo ha portato con sé sott’acqua bloccandogli le gambe.

“Non so dire se i tempi abbiano condizionato l’esito dei soccorsi – prosegue Cambursano - Sono verifiche che spettano alla magistratura. Ma come sindacato chiediamo che questi minuti di ritardo diventino zero perché nei soccorsi alle persone anche i secondi sono importanti”.
Il Conapo, insieme ai sindacati di polizia e degli infermieri hanno denunciato mesi fa le criticità del numero unico: E’ organizzato come un normale call center senza nessun appartenente ai corpi e alle amministrazioni coinvolte nelle emergenze, mentre servirebbe una sala operativa interforze”.

 

di CARLOTTA ROCCI
da repubblica.it

 

Ce ne siamo occupati da tempo.
Questo scrivevamo sul portale dell’ASAPS il 23 febbraio 2011
>"Italia, 112 sì, 112 no
Il numero unico dell’emergenza, che l’Europa vorrebbe allineato agli standard dell’americano 911, tarda ancora
L’Asaps ricostruisce la storia del numero 112 targato UE e fa il punto della situazione"



Gravissima e preoccupante denuncia dai VF , e non è la prima. (ASAPS)
La denuncia è del Conapo, il sindacato dei vigili del fuoco: “Dai dati in nostro possesso i vigili del fuoco sono stati allertati ben 15 minuti dopo che la richiesta di soccorso è pervenuta al numero unico di soccorso 112”.

Lunedì, 31 Luglio 2017
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK