Giovedì 23 Maggio 2019
area riservata
ASAPS.it su

SCUOLE AL VIA: I 10 CONSIGLI DELL’ASAPS PER GLI AUTOMOBILISTI CHE ACCOMPAGNANO I FIGLI A SCUOLA PER UNA MAGGIORE SICUREZZA STRADALE

di Luigi Altamura *

Come ogni anno, a metà settembre, iniziano le scuole di ogni ordine e grado, secondo un calendario regionale. ASAPS, sempre attenta ai temi della sicurezza stradale, per l’anno scolastico 2016/2017 vuole fornire 10 consigli, o meglio, 10 “comandamenti” che, se osservati, potrebbero veramente garantire maggiori risultati davanti agli istituti scolastici a tutela dei più piccoli, con meno incidenti, meno feriti e meno decessi. Ma ASAPS vuole dare anche consigli su come evitare sanzioni, code, imprevisti che possono, ad esempio, essere evitati grazie all’info-mobilità. Nessuno però dovrà dimenticare come la strada ove è ubicata una scuola dovrà essere sempre considerata “sacra” e ogni automobilista/motociclista dovrà mantenere un comportamento più attento possibile, rispettoso del Codice della Strada, a tutela di scolari e studenti, a piedi, in bicicletta, in ciclomotore o motociclo.

1) Se sei un genitore un nonno o un parente che accompagna un bambino o ragazzo a scuola, ricorda di partire da casa 10-15 minuti prima, per evitare  ritardi, in caso di rallentamenti e code non previste, magari a causa di un sinistro stradale o per chiusure improvvise di arterie cittadine; la “fretta” è da sempre nemica della sicurezza stradale e comporta iniziative o azioni spesso fuori dalle regole, per raggiungere in tempo utile l’istituto scolastico; segui poi un canale radio locale o nazionale che possa dare notizie sulla info-mobilità in tempo reale.

2) Fin dal primo giorno di scuola studia e memorizza percorsi alternativi a quello più rapido che potranno evitarti eventuali code ed informati giornalmente attraverso i siti internet della tua città su eventi, fiere, scioperi e manifestazioni che potrebbero incidere sulla regolare viabilità lungo il percorso casa-scuola e viceversa.



3) Non transitare sulle corsie riservate al trasporto pubblico locale e ricorda che molto spesso queste sono videosorvegliate oppure controllate da organi di polizia stradale che ti bloccherano e ti contesteranno immediatamente la sanzione al Codice della Strada; ricorda che in caso di blocco della circolazione per un sinistro stradale, viene data priorità al ripristino del trasporto pubblico locale da parte delle autorità preposte.

4) Evita di fermare l’auto o addirittura sostare davanti gli ingressi delle scuole e sui marciapiedi, nei pressi delle vie di uscita d'emergenza dell’edificio, così come negli stalli disabili senza autorizzazione o permesso; ricorda che l’auto potrebbe essere immediatamente rimossa, con ulteriori aggravio di spese, oltre alle sanzioni al Codice della Strada; presta la massima attenzione al momento della discesa e della salita del minore dall’auto, evitando che avvenga in carreggiata e che l’apertura della porta anteriore o posteriore sia preceduto dalla verifica visiva dell’eventuale arrivo di un ciclista; massima attenzione poi alle manovre di retromarcia vicino alle scuole, per la presenza di piccoli pedoni o di gruppi (come il pedibus, ormai attivo in centinaia di scuole con un adulto che accompagna decine di bambini con una corda che viene mantenuta nella mani dei piccoli scolari e che camminano lungo i marciapiedi secondo un percorso prefissato con fermate dedicate).

5) Rispetta gli attraversamenti pedonali sempre. ma soprattutto, quelli davanti alle scuole, fermatevi completamente e date la precedenza; ricorda che in prossimità degli istituti scolastici potrebbero attraversare, di corsa, anche ragazzini senza genitori; durante i mesi invernali fai vestire i bambini e i ragazzi con indumenti facilmenti visibili e con elementi rifrangenti, saranno maggiormente identificati dagli automobilisti.

6) Modera la velocità davanti alle scuole e ricorda che esistono anche limiti di 30 km/h in tante strade proprio vicino agli edifici scolastici; siate sempre pronti a frenare e a mantenere una distanza di sicurezza dalle biciclette di scolari e studenti; ricorda che sono presenti migliaia di telecamere di controllo del traffico cittadino che riprendono le principali vie della città, anche i comportamenti errati durante un sinistro stradale, con i filmati che potrebbero essere utilizzati come fonte di prova in caso di gravi incidenti (ricorda che le nuove norme in materia di omidicio stradale e lesioni personali stradali con prognosi superiore ai 40 gg. sono state inasprite dallo scorso marzo).

7) Non usare mai il cellulare alla guida, specie vicino alle scuole e ricorda che sono in atto controlli dedicati da parte degli organi di polizia stradale, considerato che la distrazione è una delle principali cause di incidente, al pari della velocità.

8) Allaccia sempre le cinture di sicurezza, controlla che i ragazzi siano allacciati ai sedili e agli appositi  seggiolini; ricorda che in caso di mancato utilizzo delle cinture di sicurezza o seggiolino, in un incidente stradale, le conseguenze fisiche peggiori sono per i bambini. E se si viaggia in moto ricordiamo sempre di indossare il casco per tutti e possono essere trasportati solo i bambini sopra i 5 anni di età.

9) Evita di transitare nelle strade dove i vigili e i nonni-vigili hanno predisposto le chiusure a tutela dei pedoni, e collabora sempre con gli organi di polizia stradale, perché in quel momento stanno tutelando anche te e i tuoi figli.

10) Rispetta il Codice della Strada quando guidi, tutela sempre gli utenti deboli e guida con la massima attenzione e in condizioni psico-fisiche idonee: la sicurezza stradale dipende da tutti gli utenti. Dai sempre il buon esempio ai bambini e ai ragazzi che accompagni, anche attraversando a piedi con loro un incrocio con semaforo, rispettando le luci rosse, gialle e verdi.

Buon anno scolastico a tutti!


* Comandante Corpo Polizia Municipale di Verona

 



Inizia l’anno scolastico, ASAPS, attraverso il comandante della Polizia Municipale di Verona Luigi Altamura, fornisce una serie di consigli utili per chi accompagna i figli a scuola utilizzando l’auto o altri veicoli...

Lunedì, 12 Settembre 2016
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK