Sabato 19 Settembre 2020
area riservata
ASAPS.it su

- TRASPORTO MERCI IN CONTO PROPRIO -
CONDUCENTE E/O ADDETTO ALLA SCORTA
DEL VEICOLO NON DIPENDENTE
Tutto quello che c’è da sapere

di Franco MEDRI* e Maurizio PIRAINO**

L’art. 31, comma 1, lett. a), della Legge 6 giugno 1974, n. 298, nel definire il trasporto di cose in conto proprio, alla lettera a), prescrive che «i preposti alla guida ed alla scorta dei veicoli, se non esercitate personalmente dal titolare della licenza», devono risultare «lavoratori dipendenti», pena l’applicazione delle sanzioni previste dall’art. 46, comma 1, delle medesima legge e dell’art. 83, comma 6, del Codice della Strada.
La predetta violazione si concretizza qualora vengano utilizzati come addetti alla guida ed alla scorta dei veicoli persone che non risultino:

•    dipendenti del titolare della licenza;
•    componenti delle famiglie collaboratori del titolare della licenza (in caso di imprese artigiane e di altri piccoli imprenditori previsti dall’art. 2083 del codice civile);
•    soci né tanto meno amministratori in caso, rispettivamente, di società di persone e di società di capitali.
 

>LEGGI L'ARTICOLO

 

Giovedì, 12 Febbraio 2015
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK