Giovedì 24 Settembre 2020
area riservata
ASAPS.it su

DECRETO-LEGGE 26 giugno 2014, n. 92
Disposizioni urgenti in materia di rimedi risarcitori in  favore  dei detenuti e degli internati che hanno subito un trattamento  in violazione  dell'articolo 3 della convenzione  europea  per  la salvaguardia dei diritti dell'uomo  e  delle libertà fondamentali, nonché di modifiche al codice di procedura penale e alle disposizioni di attuazione, all'ordinamento  del  Corpo  di  polizia penitenziaria  e  all'ordinamento  penitenziario,  anche minorile. (14G00104)
 

(GU n. 147 del 27 giugno 2014)

 

vigente al: 28-6-2014

DECRETO-LEGGE 26 giugno 2014, n. 92
Disposizioni urgenti in materia di rimedi risarcitori in  favore  dei detenuti e degli internati che hanno subito un  trattamento  in violazione  dell'articolo 3 della convenzione  europea  per  la salvaguardia dei diritti dell'uomo  e  delle  libertà fondamentali, nonché di modifiche al codice di procedura penale e alle disposizioni di attuazione,  all'ordinamento  del  Corpo  di  polizia penitenziaria  e  all'ordinamento  penitenziario,   anche   minorile.
(14G00104)
(GU n. 147 del 27 giugno 2014)

 

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

 

  Visti gli articoli 77 e 87, comma 5, della Costituzione;
  Ritenuta la straordinaria necessità e  urgenza  di  ottemperare  a quanto disposto dalla  Corte  europea  dei  diritti  dell'uomo  nella sentenza dell'8  gennaio  2013  (causa  Torreggiani  e  altri  contro Italia), nella quale e' stato stabilito che lo Stato  italiano  debba predisporre un insieme di rimedi idonei  a  offrire  una  riparazione adeguata del pregiudizio derivante dal sovraffollamento carcerario, a tal  scopo  stabilendo  il  termine  di  un  anno   dalla   data   di definitivita' della predetta decisione;
  Ritenuta,  poi,  la  straordinaria  necessita'  e   urgenza,   come concorrente  misura  volta   a   far   cessare   la   condizione   di sovraffollamento carcerario, di prevedere che i condannati  minorenni possano essere  custoditi  fuori  dal  circuito  penitenziario  degli adulti sino al raggiungimento, non gia'  come  oggi  del  ventunesimo
anno, ma del venticinquesimo anno d'eta';
  Ritenuta, ulteriormente, la straordinaria necessita' e  urgenza  di modificare il comma 2-bis dell'articolo 275 del codice  di  procedura penale, al fine di rendere tale norma coerente con  quella  contenuta nell'articolo 656, in materia di  sospensione  dell'esecuzione  della pena detentiva; ...


> Leggi il testo integrale del Decreto-Legge

 

 

 

 


 

Sabato, 28 Giugno 2014
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK