Lunedì 09 Dicembre 2019
area riservata
ASAPS.it su

Ministero dell'Interno
D.M. 20 giugno 2007
Deroga dall'obbligo di rispetto dei tempi di guida e di riposo nel settore dei trasporti stradali e dall'obbligo di dotazione ed uso dell'apparecchio di controllo previsto dal regolamento (CEE) n. 3821/85 e successive modificazioni.

(Circolare n. 300/A/5145/12/111/20/3, 10 Luglio 2012)

 


MINISTERO DELL'INTERNO
Dipartimento della Pubblica Sicurezza

Direzione centrale per la Polizia Stradale,
Ferroviaria, delle Comunicazioni e per i
Reparti Speciali della Polizia di Stato

 

Prot. n. 300/A/5145/12/111/20/3 del 10.07.2012

MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE
E DEI TRASPORTI

Dipartimento per i trasporti,
La Navigazione ed i Sistemi lnformatici e Statistici
Direzione Generale per il Trasporto
Stradale e per l'Intermodalita’
DIV. 4

                                                 Prot. n. 116118/RU/08.05.10 del 10.07.2012




OGGETTO: D.M. 20 giugno 2007. Deroga dall'obbligo di rispetto dei tempi di guida e di riposo nel settore dei
                    trasporti stradali e dall'obbligo di dotazione ed uso dell'apparecchio di controllo previsto dal regolamento
                    (CEE) n. 3821/85 e successive modificazioni.

 

OUADRO NORMATIVO

Il regolamento n. 56112006 del 15 marzo 2006, relativo all'armonizzazione di alcune disposizioni in materia sociale nel settore dei trasporti su strada e che modifica i regolamenti del Consiglio (CEE) n. 3821/85 c (CEE) n. 2135/98 e abroga il regolamento (CEE) n. 3820/85 dci Consiglio, prevede all'articolo 13, paragrafo I che ogni Stato membro possa stabilire, per il proprio territorio, deroghe alle disposizioni dello stesso regolamento concernenti i tempi di guida, le interruzioni e i periodi di riposo del personale viaggiante, applicabili a trasporti effettuati impiegando alcune tipologie di veicoli, elencate nel medesimo paragrafo.

 

> Leggi il  testo integrale della circolare

Venerdì, 13 Luglio 2012
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK