Sabato 08 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 20/02/2006

sbirripikkiati@libero.it - FORZE DI POLIZIA SOTTO AGGRESSIONE: ALTRA PUNTATA. COMINCIANO AD ARRIVARE LE SEGNALAZIONI ALLA NOSTRA EMAIL. INTANTO UNA CARRELLATA DI EPISODI DELLA SETTIMANA, MOLTI DOVUTI ALL’ALCOL

(ASAPS) – Giunge da Albenga (SV) l’episodio più grave (18 febbraio). Un marocchino clandestino di 25 anni, 2 metri d’altezza per un quintale e passa di stazza, ha cominciato – ubriaco fradicio – ha minacciare i pendolari alla stazione. Una pattuglia di Carabinieri lo ha convinto a seguirli, ma un attimo prima di salire in auto è saltato addosso ad un militare, picchiato selvaggiamente. Praticamente inutile l’intervento del collega, che solo all’arrivo di un’altra pattuglia è riuscito ad arrestare l’aggressore. Un militare ha riportato fratture al setto nasale. Sconcerta anche la brutta avventura patita a Roma (18 febbraio) da una pattuglia di Vigili Urbani del III Gruppo. I due agenti avevano infatti sequestrato alcuni cd pirata ad un venditore extracomunitario, che con una spallata li ha atterrati entrambi per fuggire. Quando i due tutori dell’ordine lo hanno raggiunto, sono stati accerchiati da alcuni residenti giustificatisi poi dicendo che non avevano “assistito dall’inizio alla vicenda”: evidentemente, però, sapevano subito da che parte stare. Il delinquente è stato poi arrestato con l’ausilio di un’altra pattuglia. A scatenare la furia contro i Carabinieri, a Palermo, è stata invece una contravvenzione al codice della strada: i militari avevano fermato un 21enne kosovaro, pluripregiudicato, che circolava su un’auto senza assicurazione e senza aver mai conseguito la patente. Insieme al sequestro è scattata anche la reazione del balordo, che si è scagliato contro i carabinieri, ferendone uno. È stato arrestato e portato all’Ucciardone. Poteva invece finire in tragedia – come quella nella quale perse la vita il nostro Stefano Biondi, ucciso da un’auto in fuga a Reggio Emilia – l’assurdo episodio di Pavullo nel Frignano (MO), dove un carabiniere è stato investito da un’auto in fuga. Al volante c’era un 29enne marocchino, che stava trasportando droga. Alla vista della paletta, alzata dal militare per un normale controllo, il nordafricano ha ingranato la retromarcia per fuggire, lanciando un pacchetto dal finestrino e che è risultato contenere mezzo etto di cocaina. Nel frattempo un altro carabiniere gli si è parato davanti, ma è finito investito: travolto,  ha sfondato con il corpo il lunotto posteriore della vettura. Un’ambulanza lo ha trasportato in ospedale. Dopo un lungo inseguimento, l’investitore è stato arrestato: aveva altra droga nelle tasche. (ASAPS)

Lunedì, 20 Febbraio 2006
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK