Sabato 22 Giugno 2024
area riservata
ASAPS.it su

Germania: le novità per la sicurezza stradale dopo la legalizzazione della cannabis
a cura Ufficio Studi ASAPS

ADAC, la grande agenzia automobilistica tedesca, ha comunicato che la legge del governo tedesco per legalizzare la cannabis è stata approvata ed entrata lo scorso 1°aprile 2024. Il possesso e la coltivazione della droga saranno legali per gli adulti con determinati requisiti. Per accompagnare la legalizzazione della cannabis, una commissione di esperti ha ora presentato una raccomandazione per un valore limite nel traffico stradale.

Sulla base del principio attivo THC, è stata suggerita una concentrazione di 3,5 nanogrammi per millilitro di siero sanguigno, come ha annunciato giovedì 28 marzo il Ministero federale dei trasporti: "Se questo valore viene raggiunto, secondo lo stato attuale della scienza, si verifica un effetto rilevante per la sicurezza stradale quando si guida un veicolo a motore non lontano."

Finora non esiste alcun limite legale per la cannabis durante la guida, come lo 0,5 per mille per l'alcol. Tuttavia, la giurisprudenza tedesca ha stabilito un valore di 1,0 nanogrammi di THC nel siero del sangue, valore a partire dal quale si rischiano sanzioni.

Per introdurre il valore limite raccomandato è necessaria una modifica della legge da parte del Bundestag. Ciò non si applica all'inizio della legalizzazione parziale della cannabis dello scorso 1° aprile. Fino a un'eventuale modifica della legge sulla circolazione stradale valgono le attuali prescrizioni più severe.

ADAC raccomanda agli automobilisti di non guidare veicoli mentre si è sballati.
Con un limite di effetto di 3,5 ng/ml di THC nel siero sanguigno, il gruppo di esperti ritiene che si superino i limiti di ciò che è accettabile in termini di sicurezza stradale, secondo la valutazione dell'ADAC. Anche dopo la modifica della legge o l'eventuale modifica del valore limite, l'ADAC è del parere che le persone sotto l'effetto della cannabis non dovrebbero guidare un veicolo a motore. Il consumo di cannabis è associato, tra l'altro, a limitazioni della concentrazione e dell'attenzione nonché ad un aumento dei tempi di reazione e di decisione. Ciò può portare a conseguenze mortali nel traffico. Dal punto di vista degli esperti dell'ADAC è urgentemente necessaria un'educazione intensiva della popolazione sull'aumento del rischio di incidenti e dovrebbe essere attuata il prima possibile.

Inoltre, l'ADAC sostiene che la semplice possibilità di un effetto della sostanza inebriante a 1,0 nanogrammi di THC per ml di siero sanguigno dovrebbe continuare ad essere sanzionata per i conducenti alle prime armi neopatentati, come è regolamentato per l'alcol.

Inoltre si dovrebbe verificare in che misura altri metodi di misurazione, come l'analisi del fluido della cavità orale, sarebbero adatti per valutare o individuare danni acuti causati dal consumo di cannabis in prossimità della partecipazione alla circolazione stradale. Prima di utilizzare nuovi metodi di misurazione, la loro significatività dovrebbe essere valutata in modo completo.

 


 

 

SOSTIENI LA RACCOLTA DATI DELL'OSSERVATORIO ASAPS PER LA SICUREZZA STRADALE,
SOSTIENI LA VOCE LIBERA DELL'INFORMAZIONE SULLA SINISTROSITA' SULLE STRADE
CON LA TUA DONAZIONE ALL’ASSOCIAZIONE

 

 

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

 

Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

 

Clicca qui per seguire la nostra pagina Instagram

 

Lunedì, 08 Aprile 2024
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK