Sabato 13 Aprile 2024
area riservata
ASAPS.it su

Ubriaco in monopattino: fatto tenue, assolto

In piazza del Popolo, a Faenza, un 28enne molesta i presenti poi irride i poliziotti. Il giudice: "Strafottente, ma disvalore modesto"

Ravenna, 18 gennaio 2024 – Visibilmente alterato, prima ha molestato i passanti in piazza del Popolo, a Faenza, poi, sanzionato dalla polizia di Stato per ubriachezza, era tornato a bordo di un monopattino, avvicinando gli agenti e irridendoli.

Inizialmente colpito da decreto penale di condanna, si è opposto ed è stato assolto, ma con la formula del fatto tenue. Cioè il reato è stato commesso, ma è di lieve entità. Questa la sentenza emessa dal Gip di Ravenna, Janos Barlotti, a carico di un 28enne cittadino della Nuova Guinea, incensurato, tutelato nel processo in abbreviato dall’avvocato Nicola Laghi. Il Gip di Ravenna ha infatti valutato, pure evidenziando il comportamento «strafottente» dell’imputato, «i fatti, complessivamente considerati, connotati da un disvalore alquanto modesto». L’episodio risale al 18 giugno 2022.

Quel pomeriggio, nella centralissima piazza del Popolo, era stata segnalata la presenza di una persona palesemente ubriaca, che arrecava disturbo ai passanti. Sul posto erano intervenuti gli agenti del locale Commissariato di polizia, riscontrando come quell’individuo, che in quel momento spingeva a mano il monopattino, proferisse frasi sconnesse, palesando scarso equilibrio e un forte alito vinoso.

Sanzionato in via amministrativa per l’ubriachezza, e inizialmente invitato ad allontanarsi, ma senza salire sul monopattino, poco dopo era tornato in piazza, a bordo del mezzo, «fermandosi in prossimità degli agenti, deridendoli in maniera strafottente». Condotto in Commissariato e fotosegnalato, dopo aver rifiutato il test dell’etilometro era stato sanzionato penalmente per la guida in stato di ebbrezza. Al processo la difesa, con l’avvocato Nicola Laghi, ha sollevato dubbi sulla condotta contestata, essendo la guida di stato di ebbrezza un reato di pericolo, mentre l’imputato saliva e scendeva dal mezzo, non compiendo una vera e propria azione di guida, in una zona peraltro interdetta al traffico.

l Gip ha valutato come «particolarmente tenue» i fatti e «l’offesa al bene giuridico tutelato», vale a dire «la sicurezza e la tutela dell’incolumità fisica degli utenti della strada». Oltre all’impossibilità di ritirargli la patente di guida, come chiarito dalla Cassazione, l’imputato aveva percorso solo «un breve tragitto, a bordo di un monopattino in zona centrale, preclusa al traffico motorizzato». Considerando la stessa una condotta che «non risulta abituale», ha ritenuto «i fatti nel loro complesso connotati da un disvalore modesto».(*)

da ilrestodelcarlino.it

(*) Nota: se si valutano le infrazioni al codice della strada in base alle loro conseguenze immediate, nella quasi totalità dei casi si tratta di fatti tenui. Si rinuncia così a qualsiasi valenza preventiva ed educativa, particolarmente utile in caso di strafottenza.


Signor giudice ci permetta di dissentire. “Visibilmente alterato, prima ha molestato i passanti in piazza del Popolo, a Faenza, poi, sanzionato dalla polizia di Stato per ubriachezza, era tornato a bordo di un monopattino, avvicinando gli agenti e irridendoli.” Ecco avanti così e si
completerà l’opera demolitoria del rispetto delle regole, degli organi di polizia e del rispetto preteso dalla gente perbene. Si realizza un grave danno per la credibilità di uno Stato che ormai permette tutto, compresa appunto  l’irrisione di chi lo rappresenta in divisa. (ASAPS)

Nota AICAT se si valutano le infrazioni al codice della strada in base alle loro conseguenze immediate, nella quasi totalità dei casi si tratta di fatti tenui. Si rinuncia così a qualsiasi valenza preventiva ed educativa, particolarmente utile in caso di strafottenza.

 


 

 

 

SOSTIENI LA RACCOLTA DATI DELL'OSSERVATORIO ASAPS PER LA SICUREZZA STRADALE,
SOSTIENI LA VOCE LIBERA DELL'INFORMAZIONE SULLA SINISTROSITA' SULLE STRADE
CON LA TUA DONAZIONE ALL’ASSOCIAZIONE

 

 

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

 

Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

 

Clicca qui per seguire la nostra pagina Instagram

 

 

 

 

Venerdì, 19 Gennaio 2024
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK