Mercoledì 28 Febbraio 2024
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 16/11/2023

In Veneto la prima auto elettrica d'Italia per la Polizia Stradale: la Tesla si vedrà a breve in autostrada tra Venezia e Padova
da ilgazzettino.it

da ilgazzettino.it

VENEZIA - Sulla tratta autostradale tra Venezia e Padova, gestita da Concessioni Autostradali Venete, opererà il primo veicolo elettrico in Italia allestito per la Polizia Stradale. Si tratta di una Tesla Model X, presentata ieri, mercoledì 15 novembre, presso la sede del Compartimento di Polizia Stradale per il Veneto, in occasione dell’inaugurazione del nuovo Centro Operativo Autostradale, intitolato alla memoria di Antonio Niedda, Vice Brigadiere del Corpo delle Guardie di Pubblica Sicurezza, caduto in servizio a Padova, vittima del terrorismo, il 4 settembre 1975.

La nuova vettura della Polizia Stradale è stata acquistata da CAV a uso operativo della Polstrada di Venezia, nell’ambito di una gara d’appalto indetta per la fornitura di un veicolo a zero emissioni, e abbina gli aspetti più green dei moderni mezzi elettrici a soluzioni tecnologicamente avanzate: il nuovo mezzo, infatti, è in grado di coniugare prestazioni su strada altamente performanti ma sostenibili, nel rispetto della configurazione operativa dei mezzi di Polizia attualmente in uso.

La Tesla Model X è dotata di una batteria da 100 kWh che permette il funzionamento di tutti gli apparati di bordo ed è in grado di raggiungere una velocità massima di 262 km/h, con un’accelerazione da 0 a 100 km/h in 3,9 secondi.

Il veicolo, la cui entrata in servizio è prevista all’inizio del 2024, permetterà di implementare i servizi di controllo e sicurezza sulle tratte di competenza di CAV (A4 Padova-Venezia, Passante di Mestre, A57 Tangenziale di Mestre e Raccordo Marco Polo), attraversate ogni giorno da 210 mila veicoli.

La proposta di introdurre, in via sperimentale, un veicolo elettrico per i servizi di polizia stradale era stata presentata da CAV al Ministero dell’Interno, con l’obiettivo di mettere su strada un mezzo comunque in grado di eseguire tutti i servizi garantiti oggi dalle auto di pattuglia con motore endotermico. La scelta, ricaduta poi su Tesla, consente di affiancare alle necessità operative di un veicolo della Polizia Stradale, con dotazioni, impianti e allestimenti speciali esterni ed interni, l’aspetto ambientale perseguito dalla Società.

Ne è un esempio la Mobile Control Room, la sala operativa mobile di CAV altamente tecnologica e completamente elettrica, in grado di replicare sul campo tutte le funzionalità del Centro operativo di Mestre. Insieme all’elettrificazione dei propri veicoli e di quelli della Polizia Stradale, CAV sta implementando anche i punti di ricarica, sia nella propria sede di Marghera, alla barriera di Venezia Mestre, che lungo la rete gestita, con colonnine a servizio dell’utenza previste in corrispondenza delle uscite autostradali di Padova Est, Spinea e Preganziol, tutte fruibili H24 e accessibili anche dalla viabilità ordinaria.

Postazioni di ricarica rapida saranno presto disponibili anche nelle aree di servizio di Arino Est ed Ovest e Marghera Est.

«L’entrata in servizio di questo mezzo – spiegano la Presidente di CAV Monica Manto e l’AD Maria Rosaria Anna Campitelli – risponde a due importanti obiettivi di CAV: da un lato la sostenibilità ambientale, che ormai coinvolge tutte le attività aziendali, dall’altro l’efficienza tecnologica, in questo caso al servizio della sicurezza sulle nostre autostrade. Un aspetto che ci vede lavorare ogni giorno fianco a fianco con la Polizia Stradale: questo investimento è anche un modo per rafforzare una collaborazione preziosa, per la quale ringraziamo dirigenti e operatori, per il loro costante impegno sia su strada che nelle sempre più frequenti occasioni di educazione e sensibilizzazione».


"Dovrebbe entrare nella flotta Polstrada del Veneto tra poche settimane. Una vettura acquistata da CAV Concessioni Autostradali Venete e poi messa a disposizione dell’Istituzione per i consueti servizi in autostrada".
La parola ora passa però agli agenti che la proveranno. (ASAPS)

 


 

 

SOSTIENI LA RACCOLTA DATI DELL'OSSERVATORIO ASAPS PER LA SICUREZZA STRADALE,
SOSTIENI LA VOCE LIBERA DELL'INFORMAZIONE SULLA SINISTROSITA' SULLE STRADE
CON LA TUA DONAZIONE ALL’ASSOCIAZIONE

 

 

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

 

Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

 

Clicca qui per seguire la nostra pagina Instagram

 

Giovedì, 16 Novembre 2023
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK