Sabato 13 Aprile 2024
area riservata
ASAPS.it su

di Fabio Piccioni*
Il proprietario responsabile nel sistema patente a punti

La lettura della recente sentenza della Corte Costituzionale del 5/6/2023 n. 11, riaccende la questione dell’obbligo di fornire all’organo di polizia i dati del conducente nel caso di sua mancata identificazione al momento della violazione delle norme del codice della strada per le quali sia prevista la decurtazione dei punti.

Il contesto storico della patente a punti

- La prima formulazione della norma
La versione dell’art. 126-bis C.d.S. proposta dal D.Lgs. 15/1/2002 n. 9 poneva a carico dell’organo accertatore la “inequivocabile identificazione” del trasgressore quale condizione essenziale per procedere alla comunicazione della decurtazione punti, con conseguente impossibilità in caso di contestazione differita (notifica) della violazione.
Il IV periodo del comma 2, sostituito dalla L. 1/8/2003 n. 214, di conversione con modifiche del D.L. 27/6/2003 n. 151, invertì l’assetto precedente. La novella stabiliva, infatti, che in caso di mancata identificazione dell’effettivo contravventore (stante i casi di esenzione dalla contestazione immediata previsti dall’art. 201), al proprietario del veicolo era data “facoltà” di comunicare, entro 30 giorni dalla richiesta, all’organo di polizia procedente le generalità e i dati della patente del conducente, altrimenti avrebbe scontato personalmente la decurtazione del punteggio.
La disciplina, però, cambiava a seconda che il proprietario fosse una persona fisica o una persona giuridica. Nel secondo caso, infatti, l’individuazione diventava uno specifico obbligo - cui il legale rappresentante o un. suo delegato “è tenuto” - sotto l’esplicita comminatoria della sanzione prevista dall’art. 180 c. 8 C.d.S.
La costruzione normativa (eresia tutta italiana), di sapore altamente inquisitorio ed estorsivo era meritevole di critica per molti aspetti.
Come noto, tale sistema è stato dichiarato costituzionalmente illegittimo.

>Leggi l'articolo

da il Centauro n. 259

 


Una ampia dissertazione, alla luce della recente sentenza della Corte Costituzionale del 5/6/2023 n.1, che riaccende la nota questione dell’obbligo di fornire all’organo di polizia i dati del conducente nel caso di sua mancata identificazione al momento della violazione delle norme del CdS per le quali sia prevista la decurtazione dei punti.
Di Fabio Piccioni Avv. del Foro di Firenze. Da il Centauro n.259. (ASAPS)

 


 

 

 

SOSTIENI LA RACCOLTA DATI DELL'OSSERVATORIO ASAPS PER LA SICUREZZA STRADALE,
SOSTIENI LA VOCE LIBERA DELL'INFORMAZIONE SULLA SINISTROSITA' SULLE STRADE
CON LA TUA DONAZIONE ALL’ASSOCIAZIONE



 

Clicca qui per iscriverti al nostro canale Telegram

 

Clicca qui per mettere "mi piace" alla nostra pagina Facebook

 

Clicca qui per seguire la nostra pagina Instagram

 

Venerdì, 29 Settembre 2023
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK