Martedì 28 Settembre 2021
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 19/01/2004

Da"Il Gazzettino on line" - CINQUANTINI, SECONDO L’ANCMA TROPPO POCHI I CORSI PER IL PATENTINO

Da"Il Gazzettino on line"
CINQUANTINI, SECONDO L’ANCMA TROPPO POCHI I CORSI PER IL PATENTINO
Secondo l’Ancma, l’associazione dei costruttori di moto, sono troppo pochi in Italia i corsi per il patentino dei ciclomotori, a fronte di un milione e 300 mila richieste in Italia. I corsi evaderanno solo l’8 per cento del totale. In provincia di Padova va un po’ meglio. infatti saranno 488, il numero più alto del Veneto, i corsi che verranno attivati nelle scuole euganee nei primi mesi del 2004 nell’ambito del "Progetto patentino".
Si tratterà di lezioni a titolo gratuito per il conseguimento del certificato di idoneità alla guida del ciclomotore che nell’intero territorio regionale coinvolgeranno 62.700 studenti per un totale di 2.458 corsi e un monte di 49.160 ore. Gli alunni di terza media e del biennio superiore degli istituti del Padovano, che entro la fine dell’anno scolastico vedranno avviati all’interno del proprie classi corsi ad hoc per imparare le regole della strada e guidare il motorino con coscienza, saranno 12.200, 12.000 i vicentini, 8.140 i veneziani, 7.000 i trevigiani, 6.000 i veronesi, 4.350 i rodigini, 3.800 i bellunesi. Alcuni iter formativi sono già partiti a Treviso, Rovigo, Verona e Vicenza ma il "grosso" dell’iniziativa si svolgerà nei prossimi sei mesi.
Il progetto, rivolto ai ragazzi tra i 14 e i 16 anni, si materializzerà in un "pacchetto" di venti ore di lezione: otto curricolari, gestite in classe dai docenti delle scuole e imperniate sulla convivenza civile, e dodici extracurricolari tenute da vigili urbani o esperti di autoscuole e incentrate sulle regole dell’educazione stradale. Al termine del monte ore i ragazzi potranno affrontare l’esame rivolgendosi alla Motorizzazione: 20 i quiz proposti, chi azzeccherà almeno 17 risposte giuste riceverà il patentino per il motorino, chi ne sbaglierà da 4 in su dovrà ripresentarsi. Per realizzare l’iniziativa, la Direzione generale delle Scuole del Veneto ha firmato un protocollo d’intesa a livello regionale che troverà attuazione nel territorio, attraverso i Centri servizi amministrativi (Csa) che li adatteranno alle necessità locali.
In particolare l’Aci (Automobile Club d’Italia) si rende disponibile ad organizzare seminari per i docenti dei corsi di formazione e a predisporre un adeguato supporto allo sviluppo del progetto. L’Unasca e la Confedertai, associazioni di categoria del titolari di scuole guida, si impegnano a praticare tariffe concordate e calmierate su base oraria o forfettaria. Le aziende Ulss del Veneto sono pronte a fornire pacchetti formativi attinenti la prevenzione della sinistrosità stradale. La Fmi (Federazione motociclistica italiana) è d’accordo nel mettere a disposizione i propri tecnici per collaborare con le istituzioni scolastiche.
L’Ancma (Associazione nazionale costruttori moto e accessori) offre consulenza sui programmi sia curricolari sia extracurricolari grazie alle esperienze maturate con i corsi sperimentali. Il Forum dei genitori contribuisce promuovendo corsi di formazione per genitori per favorire l’integrazione dei soggetti disabili.
Il Mit (Ministero dei trasporti e delle infrastrutture) si impegna a stilare con i singoli Csa i calendari delle prove e a fornire équipes di esaminatori che si sposteranno nelle varie scuole oltre a fornire assistenza per la parte burocratica. Infine l’Anci regionale, l’associazione dei Comuni d’Italia, offre la propria disponibilità a collaborare per la buona riuscita del progetto attraverso il coinvolgimento delle Polizie municipali.Federica Cappellato
Lunedì, 19 Gennaio 2004
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK