Mercoledì 01 Febbraio 2023
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 28/07/2004

Roma - Erminia, moglie del compianto Nino Manfredi, diventa portavoce di "Risveglio", una Onlus per la riabilitazione dopo il coma Dopo il grande Nino anche Erminia diventa socio Asaps

Erminia, moglie del compianto Nino Manfredi, diventa portavoce di "Risveglio", una Onlus per la riabilitazione dopo il coma
Dopo il grande Nino anche Erminia diventa socio Asaps
Se n’è andato discretamente, piano piano, così come aveva esortato gli automobilisti attraverso le colonne del nostro giornale, quando aveva accettato con entusiasmo di diventare socio onorario dell’Asaps. Nino Manfredi ha chiuso piano piano il sipario della vita terrena, ma di lui, fuori da ogni retorica, ci rimane il frutto di un lavoro di una vita rigoroso e professionalissimo ed una semplicità, un sorriso bonario che, beato lui, gli riusciva naturale perché era la fotografia della sua anima.
Se n’è andato l’ultimo mostro sacro del nostro cinema, del nostro teatro, una personalità versatile ed istintivamente comunicativa e simpatica. Ecco perché il suo invito, nel mese di giugno del 2002, arrivò a destinazione con lo stesso feroce e semplice rigore che si proponeva di comunicare a chi va in macchina e crede di avere molto in comune con Shumacher.
Poi, per Nino, i primi problemi di salute, una sofferenza anche questa silenziosa e discreta, sopportata con grande dignità e decoro, l’uscita di scena in punta di piedi prima del tributo finale della sua gente, che gli voleva bene. Ed era tantissima. E accanto a lui, sempre, la sua compagna di vita e di una vita. Erminia Ferrari. Si dice che dietro un grande uomo spesso ci sia una grande donna. Ed Erminia ha dimostrato di esserlo non solo nell’ultimo difficile periodo, ma per tutti gli anni che gli è rimasta discretamente al fianco. E non è facile una vita vissuta accanto ad un monumento del cinema, del teatro, della cultura italiana e non solo. Ad una icona dell’arte di fare spettacolo e di comunicare emozioni. Per undici mesi Erminia è stata devota compagna di sofferenza del suo uomo. Oggi che il sipario è calato, ma con un ricordo vivo e positivo dentro, ha accettato l’invito del nostro Ciro Caggiani a diventare anch’ella socio onorario dell’Asaps. Una disponibilità che è il segno di una continuità nella sintonia totale con Saturnino Manfredi prima ancora che con il compianto Nino Manfredi attore. Per anni i Manfredi hanno avuto un ruolo nel sociale. Anche questo silenzioso, discreto, anonimo. Ora che Nino non c’è più Erminia vuole perpetuare il suo ammonimento "annate piano, la vita è bella" e diventa anch’ella socio dell’Aspas. Poi raddoppia. Perché in un undici mesi trascorsi in ospedali, fredde anticamere di sale di rianimazione o unità di terapie intensive, ti rendi conto di vivere in un altro mondo diverso da quello convulso, frenetico, irrequieto ed arrivista che sta al di là di quei vetri dove trascorri spiccioli di giorni e di notti fumando furtivamente una sigaretta, allorché un tuo caro si trova lì dentro, dove i ritmi lenti della sofferenza ti cambiano la vita.
In undici mesi accanto al suo ed un po’ anche nostro Nino, Erminia Ferrari è entrata in contatto con il variegato campionario della sofferenza, quella che non conosce censi, età, classi sociali né conti in banca. Esperienze che, se non sei un ghiacciolo, ti segnano profondamente, per sempre, facendoti diventare parte della sofferenza di quel microcosmo, uno status che va oltre il malanno del tuo caro.

Oggi Erminia è l’infaticabile portavoce dell’Associazione "Risveglio", una Onlus con sede a Roma (di cui è opportuno citare il conto corrente postale: 96093000) che si occupa di promuovere, negli ospedali e non, la nascita di strutture di riabilitazione per persone che hanno subìto traumi che li hanno portati al coma. E che hanno risalito il tunnel tornando alla vita, ma non ancora ad una vita normale.
Chiederle di fare mille chilometri per promuovere "Risvegli" equivale ad una immediata disponibilità, che le fa onore ed accende in tutti noi un barlume di speranza. Perché la gente dello spettacolo, la gente famosa, non è tutta insensibile e cinica, avvolta nel vortice dello star system. Erminia Ferrari si schermisce, non ama le sovraesposizioni e dice, sommessamente, ma con piglio deciso: "Vale la pena di ripetere quel che aveva detto Nino nell’intervista a questo giornale: "Annate piano, la vita è bella. Rispettiamola come vanno rispettare le regole non solo del codice della strada, ma anche del buon vivere". Di mio voglio aggiungere solo questo: "aiutiamo "Risvegli" a ridare speranza e vita a tanta gente che soffre. Perché, oltre quello che ciascuno di noi si porta dentro, la vita merita di essere vissuta. Con coraggio e dignità". E semplicità, ci permettiamo di aggiungere. Un bene, una filosofia di vita, ormai difficile da trovare in un mondo che ha preso a girare troppo veloce. E che a casa di Erminia e Nino era davvero di casa.

c.g.

Mercoledì, 28 Luglio 2004
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK