Venerdì 14 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 31/10/2019

Terribile schianto sulla statale 194, morti sul colpo tre messinesi

A perdere la vita due donne e un uomo. Lo scontro tra una Peugeot e un tir che trasportava animali è avvenuto nei pressi di Francofonte. Sul posto personale Anas e forze dell'ordine

 Sono messinesi le tre vittime del tragico incidente avvenuto nel tardo pomeriggio sulla statale 194 che collega Catania a Ragusa.

A perdere la vita due donne e un uomo, così come confermato dai vigili del fuoco di Lentini.

Si tratta del 58enne Mauro Nunzio Di Pasquale, dermatologo in servizio all'Asp di Messina, originario della provincia, la madre 90enne Lucia Giudice e un'amica dell'uomo Silvana Sciarrone, 49 anni anche lei messinese.

I tre viaggiavano a bordo di una Peugeot quando, per cause in corso d'accertamento, si sono scontrati contro un tir che trasportava animali.

L'impatto non ha lasciato scampo ai tre occupanti dell'auto, morti sul colpo.

Sul posto sono presenti le squadre Anas e le forze dell'ordine per la gestione della viabilita' e per effettuare i rilievi del caso per ripristinare la normale circolazione.

Secondo le prime ricostruzioni l'auto, condotta dal 58enne,  si sarebbe schiantata frontalmente contro il mezzo pesante in seguito a una manovra di sorpasso.
La reazione dei sindaci

In seguito al tragico incidente i sindaci dei comuni di Francofonte, Carlentini, Lentini, Chiaramonte Gulfi, Licodia Eubea e Vizzini hanno chiesto al prefetto di chiudere la statale 194, tra le arterie più pericolose della Sicilia.

Proprio nei giorni scorsi il viceministro Giancarlo Cancelleri e l'amministratore delegato di Anas Massimo Simonini avevano ribadito l'impegno del governo di realizzare una nuova autostrada tra Catania e Ragusa.

da messinatoday.it

>Incidenti Plurimortali 2019: 102 schianti con 223 vittime


Un altro terrificante incidente in Sicilia. Tre vittime. (ASAPS)

Giovedì, 31 Ottobre 2019
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK