Sabato 20 Luglio 2019
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 12/07/2019

Reato vendere la cannabis light, la Cassazione: "Conta lʼeffetto drogante"

Nelle motivazioni i giudici precisano che il fattore chiave non è la percentuale di principio attivo presente. Non è quindi la presenza di Thc sotto il 6% a garantire che la sostanza sia innocua

Non è il basso livello del principio attivo, il Thc, nella cannabis a garantire che la sostanza sia innocua: per certificarlo va verificata piuttosto l'idoneità "in concreto" a produrre un "effetto drogante". Così le Sezioni unite della Cassazione definiscono, nelle motivazioni della loro sentenza di maggio, i limiti della legge 242 del 2016, in seguito a cui sono nati in Italia migliaia di cannabis shop.

Motivazioni: "Non basta la bassa presenza di principio attivo" - La legge viene dunque applicata in caso di vendita al pubblico di prodotti derivanti dalla cannabis light anche se l'olio, le inflorescenze e la resina presentano un Thc inferiore allo 0,6%.

"La commercializzazione al pubblico della cannabis sativa light - si legge nel testo della Cassazione - e in particolare di foglie, inflorescenze, olio, resina, ottenuti dalla coltivazione di tale varietà di canapa, non rientra nell'ambito di applicabilità della legge 242 del 2016", sulla filiera della canapa, "che qualifica come lecita unicamente l'attività di coltivazione delle varietà ammesse" ed "elenca tassativamente i derivati che possono essere commercializzati", pertanto tutte le altre condotte rientrano nelle ipotesi punite dalla legge sulle droghe, "anche a fronte di un contenuto di Thc inferiore ai valori indicati dalla legge 242", che fissa il limite, appunto, allo 0,6%, "salvo che tali derivati siano, in concreto, privi di ogni efficacia drogante o psicotropa".

"Verificare l'effetto reale" - Pertanto, "si impone - aggiunge la Cassazione - l'effettuazione della puntuale verifica della concreta offensività delle singole condotte, rispetto all'attitudine delle sostanza a produrre effetti psicotropi", e questo significa che "occorre verificare la rilevanza penale della singola condotta, rispetto alla reale efficacia drogante delle sostanze oggetti di cessione".

da tgcom24.mediaset.it


Depositate le motivazioni della sentenza Cassazione Sezioni Unite su cannabis light che in modo chiaro afferma  il seguente principio di diritto:
"La commercializzazione al pubblico di cannabis sativa L. e, in particolare, di foglie, inflorescenze, olio, resina, ottenuti dalla coltivazione della predetta varietà di canapa, non rientra nell'ambito di applicabilità della legge n. 242 del 2016, che qualifica come lecita unicamente l'attività di coltivazione di canapa delle varietà ammesse e iscritte nel Catalogo comune delle varietà delle specie di piante agricole, ai sensi dell'art. 17 della direttiva 2002/53/CE del Consiglio, del 13 giugno 2002 e che elenca tassativamente i derivati dalla predetta coltivazione che possono essere commercializzati, sicché la cessione, la vendita e, in genere, la commercializzazione al pubblico dei derivati della coltivazione di cannabis sativa L., quali foglie, inflorescenze, olio, resina, sono condotte che integrano il reato di cui all'art. 73, d.P.R. n. 309/1990, anche a fronte di un contenuto di THC inferiore ai valori indicati dall'art. 4, commi 5 e 7, legge n. 242 del 2016, salvo che tali derivati siano, in concreto, privi di ogni efficacia drogante o psicotropa, secondo il principio di offensività".

Venerdì, 12 Luglio 2019
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK