Giovedì 17 Ottobre 2019
area riservata
ASAPS.it su

Il gravissimo incidente di Marostica (VI), col piccolino in pericolo di vita e con una gamba amputata, ripropone il grave problema dell’incontenibile guida in stato di ebbrezza sulle strade. 
ASAPS si costituirà parte civile nel procedimento penale contro il conducente

foto da leggo.it

Il gravissimo incidente di Marostica a seguito del quale per mano (per volante) di un ebbro alla guida una famiglia è stata devastata e a un piccolino è stata amputata una gamba e versa in pericolo di vita, con ferite gravi anche per la mamma,  ripropone il devastante problema dell’alcol alla guida che in questo incidente dimostra la sua trasversalità con consumi illegali anche nelle ore diurne e da parte di conducenti professionali e lavoratori.

Intanto, purtroppo,  le forze schierate sul campo sono sempre più esigue e le pattuglie (il conducente si era dato alla fuga dopo l’alt di una pattuglia della Polizia Locale) hanno sempre meno etilometri disponibili, uno scandalo tutto italiano che vede il centro prove degli etilometri del MIT di Roma non funzionante da 26 mesi! ASAPS si è profusa fino allo sfinimento nel denunciare questa assurda situazione. Il fenomeno dell’alcol (e degli stupefacenti) alla guida va fronteggiato con presenze adeguate di pattuglie sul territorio. Ognuna delle quali deve essere dotata di etilometro dalla Polizia Stradale, alle Volanti, dai Carabinieri alle Polizie Locali anche dei più piccoli comuni.

L’ASAPS esprime solidarietà alla sfortunata famiglia di Marostica e, come porta bandiera della legge sull’Omicidio stradale, l’affiancherà costituendosi parte civile nel procedimento penale e per questo ha già dato mandato al suo avvocato.

 

Forlì, 9 marzo 2019

Giordano Biserni
Presidente ASAPS

 


Subito etilometri e più pattuglie. Questa gente ubriaca alla guida è un pericolo per tutti!! Aiutateci a fermarli.
L’ASAPS si costituirà parte civile nel processo.

Sabato, 09 Marzo 2019
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK