Sabato 13 Aprile 2024
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 12/12/2018

A Treviso ci sono 300 posti di autista scoperti: i sindacati lanciano un incentivo

Gli autisti di camion dovrebbero sentirsi fieri, perché un po’ tutti li corteggiano in vario modo e soprattutto cercano modi diversi per avvicinarne di nuovi al settore. In Veneto, per la precisione a Treviso, «per cercare di porre rimedio a questa situazione – spiega Danilo Vendrame, presidente dei trasportatori Confartigianato Imprese Marca Trevigiana – Confartigianato insieme ai sindacati di categoria, ha introdotto, nel rinnovato contratto regionale di settore (firmato il 5 novembre 2018), un rimborso che sarà erogato dell’ente bilaterale Ebav, del valore di mille euro per gli autisti neopatentati a fronte dei costi sostenuti per la loro formazione presso le autoscuole che si convenzioneranno con l’associazione». 
Un sostegno che cerca di rimuovere una situazione che nella provincia veneta sembra particolarmente urgente, visto che ci sono molte aziende di autotrasporto costrette arinunciare a importanti commesse di lavoroe subire un gravissimo danno economico a causa della mancanza di personale. «In provincia di Treviso – spiega ancora Vendrame – i dati in nostro possesso ci dicono che le imprese di autotrasporto potrebbero assumerne, da subito, oltre 300».

D’altra parte i numeri parlano da soli. Nella sola provincia trevigiana, osserva ancora il presidente di Confartigianato, «due terzi degli autisti presenti nelle nostre imprese (in totale 4.900 di cui 1200 impiegati presso autotrasportatori artigiani) andranno in pensione nei prossimi 15 anni, mentre il ricambio generazionale di questi lavoratori è attualmente costituito da non più di 100 soggetti, ovvero da figure che annualmente acquisiscono le patenti e le carte di qualificazione necessarie per essere assunti come autisti in una impresa di autotrasporto merci conto terzi».

da uominietrasporti.it

Mercoledì, 12 Dicembre 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK