Venerdì 21 Febbraio 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 29/10/2018

Maltempo, l'Italia sferzata da pioggia e vento. Scuole chiuse a Roma, Genova e in molti altri centri

Venti fino a 100-120 km/h. Forte rischio idrogeologico soprattutto sulle zone montuose del Nord e sugli Appennini. Strade allagate e alberi caduti. Riaperte la ferrovia e l'autostrada del Brennero che erano state chiuse per una frana

Tre giorni di forti piogge incessanti e localizzate, a partire dal centronord, e rischio di nubifragi che in alcuni casi potrebbero essere pericolosi per l'accumulo di pioggia che potrà raggiungere 300 litri al metro quadrato. La perturbazione arriva dal Nord Europa e colpisce innanzitutto Liguria, Alpi, Prealpi, alta pianura Padana, Friuli e Appennino settentrionale. Piogge e temporali anche lungo la fascia tirrenica, sul Lazio, al sud e sulle isole. Oggi il maltempo dovrebbe raggiungere l'apice, con i venti meridionali in ulteriore rinforzo con rischio di mareggiate.

Protezione Civile: massima attenzione, sistema pronto
Il Dipartimento della Protezione Civile sta seguendo con la massima attenzione con tutti i livelli territoriali l'ondata di maltempo che sta interessando quasi tutta l'Italia. Nelle prossime ore, inoltre, il premier Giuseppe Conte firmerà il provvedimento con la dichiarazione dello stato di mobilitazione del servizio nazionale di protezione civile richiesto dal governatore del Veneto Luca Zaia in considerazione del possibile aggravarsi della situazione nella regione. Il provvedimento, uno strumento disposto dal Codice della protezione civile, consente di far intervenire il sistema nazionale di protezione civile in supporto delle autorità regionali, per fronteggiare le situazioni di emergenza.

>FOTO

L'Adige tracima in campagne veronesi
A Verona il livello del fiume Adige è salito notevolmente nelle ultime ore, superando lo zero idrometrico. In particolare, nella zona del Ponte Scaligero di Castelvecchio l'acqua sta arrivando a lambire le arcate del ponte eretto dalla Signoria della Scala. Ad Arcè, nel comune di Pescantina, il fiume è tracimato in alcuni tratti di campagna. In serata la pioggia è cessata, ma resta molto alta la preoccupazione per le previsioni meteo.

Riaperte ferrovia e autostrada Brennero
L'Autostrada del Brennero è stata riaperta per il traffico in entrambe le direzioni tra Vipiteno ed il Brennero. Ieri sera si era abbattuta una frana sulla corsia nord, poco prima del confine di Stato. Per motivi di sicurezza era stata interrotta e poi riaperta anche la linea ferroviaria del Brennero. Rimane invece ancora chiusa al traffico la statale del Brennero tra Ponticolo e Colle Isarco.

Dissesti e alberi caduti in Friuli
Dissesti idrogeologici in Friuli, nei comuni di Ovaro, Forni Avoltri e Sauris, a causa delle forti piogge. Alla centrale operativa della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia,sono giunte anche segnalazioni di caduta alberi a Tramonti di Sotto (Pordenone) e Moggio Udinese (Udine), per il forte vento. A causa dell'ondata di maltempo prevista sulla regione, ieri la Protezione civile del Fvg aveva diramato un'allerta meteo rossa fino a martedì per rischio idrogeologico.

Frana terreno, quattro morti nel crotonese
Quattro persone sono morte la notte scorsa a causa di una frana caduta durante l'esecuzione di alcuni lavori di emergenza ad una condotta fognaria danneggiata in passato dal maltempo. Tra le vittime c'è anche Massimo Marrelli, 59 anni, titolare dell'omonimo gruppo a cui fanno capo diverse strutture sanitarie nel Crotonese. Gli altri tre morti sono Santo Bruno, 53 anni di Isola Capo Rizzuto, Luigi Ennio Colacino, 45 anni di Cutro, Mario Cristofaro, 49 anni di Crotone.

Forti piogge in Veneto
Piogge a tratti intense soprattutto nelle zone montane, pedemontane e sulla pianura settentrionale. Si è trattato - comunica la Protezione civile regionale - di precipitazioni diffuse anche a carattere di rovescio e locale temporale. Attualmente persistono piogge e temporali sulle zone montane,in particolare sulle Prealpi, e sulle zone pedemontane, in particolare su quelle vicentine e trevigiane; precipitazioni sparse, a tratti diffuse, sulla pianura vicentina e veronese. E' scattata questa mattina, la chiusura al passaggio pedonale del Ponte degli Alpini a Bassano (Vicenza). Lo stop ai pedoni è scattato dopo che il Brenta ha superatola soglia idrometrica, abbassata cautelativamente a 150 metricubi al secondo, corrispondente all'altezza del fiume di 1,55metri.

Acqua alta a Venezia
Si è assestata tra 115 centimetri,120 per le aree sottovento, l'acqua alta in laguna a Venezia. Lo rende noto il Centro previsioni e segnalazioni del Comune.La marea rimarrà su valori elevati almeno sino alle ore 14.30. Per domani si prevede un picco di 135 centimetri alle ore14.05, seguito da un altro uguale alle 00.30 di martedì.

Tromba d'aria a Genova, problemi in porto

Una tromba d'aria, accompagnata da pioggia intensa, ha interessato Genova: alberi sradicati, tetti parzialmente scoperchiati, calcinacci e cornicioni caduti danneggiando le auto in sosta. Le zone della città colpite dalla tromba d'aria sono i quartieri di San Teodoro e Molassana.L'episodio ha reso necessario l'intervento dei vigili del fuoco in via Alizeri, via Venezia e via Digione. Qui i tetti di alcuni palazzi, e quello di una dimora storica, villa Giuseppina, sono stati danneggiati. Le tegole sono precipitate sulle auto in sosta. Sempre a San Teodoro, sradicati alcuni grossi alberi lungo la scalinata che porta alla chiesa di San Marcellino. Problemi anche in porto, per una gru che si è inclinata a molo Giano e per una passerella per crocieristi a cui è saltata la copertura.

Tromba d'aria anche nel Tarantino, cede timpano chiesa
E una tromba d'aria si è abbattuta ieri sera anche a Manduria (Taranto) causando il cedimento del timpano (la superficie triangolare racchiusa nella cornice del frontone) della chiesa di San Michele Arcangelo. I detriti hanno danneggiato anche le insegne dei negozi e le auto in sosta. Per le forti raffiche di vento e la pioggia insistente sono caduti anche una ventina di alberi di pino in piazza Giovanni XXIII e sulla via per Oria. Numerosi gli interventi dei vigili del fuoco. Ingenti i danni e tanta paura per la popolazione. Sono crollati anche pezzi di balcone e cornicioni in diverse vie, massi caduti sulle auto, infrante vetrine, sradicate pensiline, allagamenti ovunque. Fino alla tarda serata di ieri si segnalava solo un ferito lieve.

Umbria, vigili del fuoco al lavoro per danni
Diversi interventi dei vigili del fuoco in gran parte dell'Umbria per i danni provocati dal maltempo delle ultime ore. A creare i danni è stato soprattutto il vento. Le squadre sono intervenute in provincia di Perugia per rami e piante cadute sulle strade in numerose località, così come le tegole di qualche edificio. A Terni una pianta si è abbattuta su un muro di recinzione della Polimer, abbattendone un tratto. Nessuna persona coinvolta.

Forte mareggiata sul litorale romano
Come era nelle previsioni, situazione critica sulla costa del litorale romano a causa della forte mareggiata in corso da diverse ore. Gli scenari più difficili ad Ostia e a Fregene sud, ed al confine con Focene, da tempo alle prese con un grave fenomeno erosivo. Alcuni stabilimenti balneari sono circondati dalle onde ed in alcuni casi l'acqua ha superato le barriere allestite dai concessionari. Tanti i rifiuti, di ogni tipo, che la mareggiata sta trascinando sugli arenili. Nel frattempo, per il forte vento, a Fiumicino sono cadute alcune paline segnaletiche.

A Roma attivato Centro Operativo comunale
Alberi caduti a piazza Malatesta, in via dell'Arco di Travertino, nella notte nel quartiere Appio, in viale Metronio. Strada interrotta in via Virgilio Orsini, nel quartiere Prati, per un albero caduto. Il bollettino dell’Agenzia Regionale di protezione civile prevede "allerta arancione" per oggi e criticità anche per domani. Il Coc, il Centro operativo comunale, è stato convocato per questa mattina alle ore 8: ieri c’è stato un vertice pre-Coc nella sede della Protezione Civile ed era presente anche la sindaca Virginia Raggi. Sabato sono stati oltre 140 gli interventi dei vigili del fuoco per alberi e rami caduti. Un albero è caduto su un'auto vicino Roma ferendo il conducente. E' accaduto a Valmontone.Sul posto i carabinieri e i vigili del fuoco. L'uomo di 44 anni, è rimasto lievemente ferito, è stato medicato in ospedale. Il pino nella caduta ha colpito il cofano della macchina in transito.

A Reggio Calabria allagamenti e alberi caduti
Nella nottata a causa della forte pioggia e del vento un albero di grosse dimensioni si è abbattuto su alcune automobili in sosta a Reggio Calabria nel quartiere di Gebbione, nella zona sud della città. Non vi sono feriti, ma solo danni alle auto. Sul posto i vigili urbani e i vigili del fuoco. Allagamenti si registrano in diverse zone della città dove numerosi sono stati i disagi.

Nubifragio a Messina, strade allagate
Un nubifragio sta colpendo dalla scorsa notte Messina, causando allagamenti delle strade, piccoli smottamenti e la caduta di grandi alberi. ìL'assessore comunale alla Protezione civile Massimiliano Minutoli ha detto: "La situazione al momento è sotto controllo,i torrenti sono costantemente monitorati, si segnalano detriti nelle strade in prossimità dei torrenti ma niente di preoccupante".

Le previsioni
Secondo l' ultimo bollettino emesso dalla Protezione Civile persisterà una condizione di allerta arancione su molte aree del Paese. Secondo le ultime previsioni meteo disponibili sul sito dell'Aeronautica militare si avranno precipitazioni di forte intensità a prevalente carattere di rovescio o temporale, sul settore appenninico dell'Emilia-Romagna. Preoccupazioni maggiori per la Liguria dove fino a lunedì sera si prevedono precipitazioni di forte intensità con possibilità di locali grandinate.

Attenzione alta anche in Trentino-Alto Adige, Lombardia, il settore appenninico della Toscana, Piemonte e Friuli-Venezia Giulia e Veneto. Si prevedono inoltre precipitazioni eccezionali sul levante ligure e sul Friuli-Venezia Giulia e Veneto centrosettentrionali nella giornata di domenica. Attenzione alle raffiche di vento provenienti dai quadranti meridionali soprattutto su Umbria ed aree interne ed appenniniche di Emilia-Romagna, e con mareggiate lungo le coste esposte su Liguria, Toscana, Marche, Lazio, Abruzzo, Campania, Molise, Puglia, e sul settore tirrenico della Sicilia. Possibili grandinate e temporali su Toscana, Campania, Puglia e Lazio dove potranno assumere carattere di eccezionalità dalla tarda mattinata di Domenica. Sulle Alpi nevicate abbondanti sulla Valle d'Aosta con quota neve a 2100-2200 metri. Qualche pausa più asciutta sul versante adriatico e al Sud peninsulare ma sempre in contesto instabile.

 

da rainews.it


Tutti i dettagli zona per zona. (ASAPS)

Lunedì, 29 Ottobre 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK