Mercoledì 21 Novembre 2018
area riservata
ASAPS.it su

Osservatorio ASAPS Sbirri Pikkiati
Crescono ancora nel primo semestre 2018 le aggressioni alle divise su strada: 1.192 attacchi fisici, +5,5% rispetto allo stesso periodo del 2017
Il 44,5% portati da stranieri, il 28% da ubriachi, il 16,1% con armi proprie o improprie

(ASAPS) Non si ferma la violenza contro le forze di polizia impegnate nei controlli stradali e sul territorio. Anche nel primo semestre 2018 il barometro delle aggressioni a carabinieri e agenti sulle strade segna una ennesima impennata: sono stati 1.192 gli attacchi fisici registrati dall’Osservatorio Sbirri Pikkiati dell’ASAPS, con un ulteriore preoccupante incremento del 5,5% rispetto ai 1.130 episodi catalogati nello stesso periodo del 2017.

L’Osservatorio registra i soli attacchi fisici che hanno provocato lesioni refertate agli operatori di polizia durante i controlli su strada (escluse quindi le aggressioni avvenute nella gestione dell’Ordine pubblico e le altre non conseguenti al controllo del territorio). Anche nel primo semestre il maggior numero di aggressioni ha riguardato l’Arma dei Carabinieri con 546 episodi pari al 45,8%, ma in calo rispetto al 48,3% dello scorso anno. Seguono le aggressioni alla Polizia di Stato con 514 episodi (43,1%) in netto aumento rispetto al 34,2% del primo semestre 2017. 124 gli attacchi alla Polizia Locale 10,4% stessa percentuale dello scorso anno. Il 2,4% ha riguardato altri corpi. La percentuale è leggermente superiore a 100 in quanto in alcuni casi nell’aggressione hanno riportato lesioni agenti di corpi di polizia diversi.

Ancora molto preoccupante la percentuale degli stranieri protagonisti delle aggressioni: 530 episodi 44,5%, in leggero calo rispetto al 46% dello scorso anno. In 334 attacchi 28%, l’aggressore è poi risultato ubriaco o drogato.
In 192 attacchi 16,1% è stata utilizzata un’arma propria o impropria (bastoni, oggetti o la stessa vettura utilizzata per travolgere l’agente).
Gli ingressi di una divisa al pronto soccorso sono in media 198 al mese (con una punta record di 270 a giugno) cioè  oltre 6 al giorno, come dire che viene rilasciato un referto ogni 4 ore. Una situazione impressionante quella registrata dall’Osservatorio dell’ASAPS.   
 
Allora ci ripetiamo ancora. Tutto questo avviene nell’indifferenza pressoché totale dell’opinione pubblica e  della stessa politica. Posizione pericolosa e ingenua. Del dilagare della violenza contro le divise sulla strada dovrebbero invece preoccuparsi per primi i cittadini ancor più degli agenti e carabinieri perché dopo l’argine ci sono loro come destinatari e vittime  di una violenza sempre più tracotante e  ormai di fatto quasi impunita.   
 
Solidarietà totale dell’ASAPS  alle nostre forze di polizia.
 
 
 Forlì, lì 5 ottobre 2018

Giordano Biserni
Presidente ASAPS
 

 


Ancora il segno più nelle aggressioni su strada alle forze di polizia in un crescendo di violenza incontenibile. Chi difende i nostri difensori? (ASAPS)

 

Venerdì, 05 Ottobre 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK