Mercoledì 30 Settembre 2020
area riservata
ASAPS.it su

Svizzera. Rilevazione dell'upi 2018
Scooteristi: meno di un quarto usa una giacca con protezioni composite

La maggior parte degli scooteristi non si protegge in modo adeguato. Lo conferma una nuova rilevazione dell'upi, Ufficio prevenzione infortuni. A indossare una giacca moto in pelle e materiale resistente alle abrasioni non è neanche ogni quarto scooterista. Solo una minoranza tra questi viaggia con i guanti di protezione. Fortunatamente, dalla rile-vazione dell'upi emergono anche dati positivi.

Nel raffronto con i motociclisti colpisce la bassa percentuale di scooteristi che circola con un equipag-giamento di protezione: stando alla rilevazione dell'upi 2018, solo il 42% degli scooteristi usa i guanti di protezione, rispetto al 92% dei motociclisti. Per quanto riguarda le giacche con protezioni composite, la differenza è ancora più significativa: mentre l'89% dei motociclisti si protegge con una giacca di pelle o di materiale resistente alle abrasioni, il tasso degli scooteristi arriva appena al 23%. Il casco viene invece indossato praticamente da tutti.

Come scooterista il rischio di ferirsi gravemente in un incidente non è da sottovalutare. «In caso di caduta, gli scooteristi e i motociclisti subiscono le stesse conseguenze, dal momento che entrambi ri-schiano il contatto diretto del corpo con la strada. Il rischio di lesioni è alto perché il veicolo non offre alcuna protezione», spiega l'esperto di motociclette dell'upi Christoph Jöhr.

Casco per ciclisti: differenze in base allo scopo di utilizzo
Per la prima volta dall'inizio delle rilevazioni annue dell'upi nel 1998, l'uso del casco bici ha raggiunto la soglia del 50%: nel frattempo, un ciclista su due indossa il casco. Si osservano tuttavia importanti diffe-renze a seconda dello scopo di utilizzo. Il tasso di uso del casco nel tempo libero ammonta al 55%, sul percorso casa-scuola al 43%, sul tragitto casa-lavoro al 37% e per sbrigare acquisti soltanto al 22%.
Le e-bike veloci (con pedalata assistita superiore a 25 e fino a 45 km/h) sottostanno all'obbligo del casco per ciclisti, ma meno del 90% degli utenti si attiene a questa disposizione. Sulle bici elettrice più lente il tasso di utilizzo del casco è pari al 67%.

Cintura di sicurezza e «luci di giorno»: percentuali elevate
I tassi relativi all'uso della cintura e delle luci di giorno sono alti: la cintura di sicurezza è indossata dal 95% degli automobilisti e dal 94% dei loro passeggeri. I dati variano a seconda del tipo di strada: in autostrada si tratta del 98% dei conducenti, su strada extraurbana del 95% e nell'abitato del 94%.
L'obbligo delle «luci di giorno» in Svizzera è entrato in vigore da quattro anni e mezzo per tutti i veicoli a motore. Dalla rilevazione più recente dell'upi emerge che il 97% degli utenti della strada lo rispetta. Secondo l'Ufficio federale delle strade, da allora questa misura, introdotta nell'ambito dell'iniziativa «Via sicura», ha impedito ogni anno 110 gravi lesioni conseguenti a un incidente.
I risultati della rilevazione menzionati nel presente comunicato stampa e un'infografica sul tema dell'ab-bigliamento di protezione per scooteristi e motociclisti possono essere scaricati su www.media.upi.ch.

 

Venerdì, 31 Agosto 2018
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK