Sabato 13 Aprile 2024
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 21/12/2017

Furti auto in calo nel 2017, e Roma sorpassa Napoli

Ma il fenomeno rimane preoccupante perché in Italia ogni giorno si rubano 278 auto, più di 11 l'ora

Buone notizie sul fronte dei furti d'auto, ma non per i romani: il fenomeno è in forte calo (-8,84%), i rinvenimenti sono in aumento (+55,91%), ma Roma diventa la 'capitale' dei topi d'auto e sorpassa Napoli nella triste classifica delle sparizioni.

La Fiat Panda resta l'obiettivo preferito. Questi i dati della Polizia Stradale. Ma in ogni caso, calo o no, il fenomeno rimane preoccupante perché in Italia ogni giorno si rubano 278 auto, più di 11 l'ora.

Gli ultimi dati (si riferiscono dal primo gennaio al 30 giugno di quest'anno parlano infatti di 50.634 furti di auto, 20.292 moto (-8,48%) e 1.158 mezzi pesanti (-24,85%). Un trend che conferma e consolida quello dell'intero 2016, quando i furti complessivamente erano stati 155.494, il 6,58% in meno rispetto al 2015: nel dettaglio, 108.090 auto (-5,28%), 45.351 moto (-9,38%) e 2.053 mezzi pesanti (-9,76%).

E, come dicevamo è in crescita anche il numero dei rinvenimenti da parte delle forze dell'ordine, che l'anno scorso avevano fatto segnare un meno 7,67% rispetto all'anno precedente: nel primo semestre del 2017, sono stati ritrovati 49.184 tra auto (+51,99%), moto (+47,48%) e mezzi pesanti (+277,12%).

A proposito del sorpasso di Roma su Napoli, va detto che gli 8.642 autoveicoli rubati nel primo semestre 2017 nel territorio della capitale rappresentano il 17,07% del totale nazionale; a seguire Napoli con 6.903 furti (il 13,63% del totale nazionale), Milano con 3.928 (7,76%), Bari con 3.222 (6,36%), Catania con 2.800 (5,53%), Torino con 2.303 (4,55%), Palermo con 2.073 (4,09), Caserta con 1.601 (3,16%), Foggia con 1.391 (2,75%) e Barletta-Andria-Trani con 1.095 (2,16%).


da repubblica.it


Prosegue la diminuzione dei furti di veicoli, ma ne rubano ancora tanti. 50.634 furti di auto nei primi sei mesi del 2017. (ASAPS)

Giovedì, 21 Dicembre 2017
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK