Domenica 18 Agosto 2019
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 30/12/2004

Lainate - Armato di scimitarra marocchino ubriaco aggredisce due agenti della Stradale. Ha tentato di decapitarne uno. In 14 per fermarlo.

Armato di scimitarra marocchino ubriaco aggredisce due agenti della Stradale.
Ha tentato di decapitarne uno. In 14 per fermarlo.

Anche una come questa non l’avevamo mai sentita. Eppure ci occupiamo di violenza alle divise da parecchio.
 
Lainate - Per fermarlo ci sono voluti quattordici agenti della polstrada di Busto Arsizio. Con una scimitarra, F.R., 41 anni, marocchino con regolare permesso di soggiorno e residente a Motta Visconti, intorno alle 2 di martedì ha tentato di decapitare un agente, danneggiato due auto della stradale e seminato il panico lungo l’autostrada A8. Arrivato all’altezza di Lainate, F.R. è stato fermato da una pattuglia della polizia perché procedeva a zig-zag. L’uomo, con un precedente per guida in stato d’ebbrezza nel 2001, ha rifiutato di sottoporsi all’alcoltest. Subito sono scattati il sequestro dell’auto e la cancellazione di 20 punti dalla sua patente. Il marocchino non ha retto alla vista della sua auto agganciata al carro attrezzi: ha aperto il portabagagli, e dopo aver impugnato la scimitarra si è lanciato contro i poliziotti. I primi a cadere sotto i suoi fendenti sono stati i lampeggianti blu e i fanali dell’auto della stradale. Poi F.R. si è avventato contro una seconda vettura della polizia mandando in frantumi il parabrezza e tentando di decapitare un agente con un colpo di scimitarra. Il poliziotto ha evitato il fendente per un soffio ma è stato ferito a una mano. Prima di essere arrestato F.R. ha picchiato un secondo agente e ha tentato la fuga scappando tra le auto costringendo la stradale a chiudere il tratto di autostrada per circa 30 minuti. Il marocchino dovrà rispondere tra l’altro di tentato omicidio.
 
Notizia tratta da Il Corriere della Sera

S. Ca .

 









Giovedì, 30 Dicembre 2004
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK