Sabato 15 Agosto 2020
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 27/02/2017

Roma, creavano falsi incidenti per truffare le assicurazioni: in manette sei medici e due avvocati

I carabinieri del comando provinciale di Roma hanno sgominato un'associazione per delinquere ritenuta responsabile di aver creato ad arte 21 falsi sinistri di vario genere, tra il 2013 e il 2015, per richiedere e ottenere indebiti risarcimenti dalle compagnie assicurative. I militari, in esecuzione di un provvedimento cautelare emesso dal gip del Tribunale di Civitavecchia su richiesta del pm, hanno arrestato sei medici e due avvocati, e altri tre medici sono stati sottoposti alla misura cautelare dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, tutti attivi tra Civitavecchia e Roma in strutture sia pubbliche che private.

TUTTI I NOMI Gli arrestati finiti in carcere sono G. S., 59 anni, di Civitavecchia, medico legale e criminologo, G. D. I., 57 anni, medico dell'Asl Rm4. Mentre ai domicliari sono finiti R. A., 53 anni, avvocato, M. M. , 48 anni, di Roma, avvocato, P. M., 64 anni, medico dell'Asl Rm4 e medico legale, M. L., 52 anni, radiologo, M. G., 46 anni, dirigente medico radiologo, F. F., 54 anni, dirigente medico e ortopedico dell'azienda ospedaliera San Giovanni Addolorata.

Agli indagati è stata contestata l'associazione per delinquere finalizzata ai reati di truffa, falso di vario genere e sostituzione di persona. Sono in corso numerose perquisizioni in abitazioni, ospedali e strutture sanitarie private. Nei 21 casi di incidente fantasma erano state presentate richieste di risarcimento per oltre 500.000 euro, in gran parte già erogate dalle compagnie assicurative.
 

>VIDEO


da ilmessaggero.it
 


Ci siamo sempre domandati come possano dei medici e degli avvocati prestarsi a simili truffe e associazioni  per delinquere. (ASAPS)
I carabinieri, in esecuzione di un provvedimento cautelare emesso dal gip del Tribunale di Civitavecchia su richiesta del pm, hanno arrestato sei medici e due avvocati, e altri tre medici sono stati sottoposti alla misura cautelare dell'obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, tutti attivi tra Civitavecchia e Roma in strutture sia pubbliche che private.

Lunedì, 27 Febbraio 2017
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK