Giovedì 29 Febbraio 2024
area riservata
ASAPS.it su
Notizie brevi 30/01/2017

Integrazione al Codice della Strada: multe in arrivo per chi sosta nelle colonnine dedicate alla ricarica delle auto elettriche.
Problemi anche per i furbetti che lasciano la macchina elettrica collegata al cavo di rifornimento tutta la giornata

 

 

(ASAPS) ROMA - Un'integrazione al Codice della Strada, entrata in vigore il 14 gennaio scorso, prevede il divieto di fermata e sosta negli spazi riservati ai veicoli elettrici in ricarica.
Questa norma, introdotta con il Decreto Legislativo 16 dicembre 2016, n. 257  "Disciplina di attuazione della direttiva 2014/94/UE del Parlamento europeo e del Consiglio", del 22 ottobre 2014, sulla "realizzazione di una infrastruttura per i combustibili alternativi",  è entrata in vigore il 14 gennaio scorso e prevede una multa di 85 euro per i trasgressori.
Questo nuovo divieto introdotto nell’Art. 158 prevede quindi multe per coloro che posteggeranno la propria auto non elettrica negli spazi riservati alla “ricarica”, così come verranno sanzionate le auto elettriche parcheggiate in queste aree ma non collegate alla rete per il rifornimento.
Visto che in Italia siamo maestri nel trovare le scappatoie si potrebbe pensare di lasciare l’auto collegata al cavo elettrico per tutta la giornata, in fondo la corrente elettrica non fuoriesce dal serbatoio pieno.
Peccato per chi ci ha fatto il pensiero che la multa potrebbe arrivare anche in caso di verifica di questa condizione che, a dire il vero, è possibile solo in alcuni modelli più recenti di colonnine di rifornimenti che sono in grado di indicare il livello di ricarica effettuata e dare l’opportunità alle forze di Polizia di individuare i parcheggiatori abusivi.(ASAPS)


 


 

Spazio all’eco ricarica.  Novità per il Codice della Strada. arriva la sanzione per chi sosta nelle colonnine dedicate alla ricarica delle auto elettriche. (ASAPS)

Lunedì, 30 Gennaio 2017
stampa
Condividi


Area Riservata


Attenzione!
Stai per cancellarti dalla newsletter. Vuoi proseguire?

Iscriviti alla Newsletter
SOCIAL NETWORK